Tifoso dell’Inter investito ed ucciso: chiesti 16 anni per l’ultrà del Napoli

Tifoso dell’Inter investito ed ucciso: chiesti 16 anni per l’ultrà del Napoli

“Sono solo fuggito spaventato perché intorno all’auto avevo una trentina di persone. Se ho investito qualcuno, non me ne sono accorto”, aveva detto Manduca


MILANO/NAPOLI – I pm di Milano Rosaria Stagnaro e Michela Bordieri hanno chiesto una condanna per omicidio volontario a 16 anni di carcere per Fabio Manduca, l’ultrà napoletano imputato con rito abbreviato, davanti al gup Carlo Ottone De Marchi, per aver travolto e ucciso con il proprio suv Daniele Belardinelli, l’ultrà del Varese morto negli scontri del 26 dicembre 2018, poco lontano dallo stadio Meazza di San Siro prima della partita fra Inter e Napoli.

Nell’udienza di oggi, a porte chiuse, hanno preso la parola anche i legali delle parti civili, che rappresentano la figlia, la moglie e la madre di Belardinelli, e poi parlerà anche la difesa. “Non ho investito nessuno, sono solo fuggito spaventato perché intorno all’auto avevo una trentina di persone. E se ho investito qualcuno, non me ne sono accorto”, aveva detto Manduca interrogato in aula nella scorsa udienza. La sentenza non arriverà oggi ma in una successiva udienza.