Tragedia Covid, Chiara stroncata dal virus a soli 21 anni: non aveva altre patologie

Tragedia Covid, Chiara stroncata dal virus a soli 21 anni: non aveva altre patologie

La donna, diventata una delle più giovani vittime da inizio pandemia, lascia un figlio di 13 mesi


TORINO – Chiara Cringolo, di Romano Canavese (Ivrea), è morta per Covid all’età di soli 21 anni, diventando una delle vittime più giovani da inizio pandemia. Non aveva alcuna patologia pregressa, come confermato dalla famiglia, eppure dopo aver manifestato sintomi lievi a partire dal 21 ottobre la sua situazione è degenerata giorno dopo giorno, fino a spingerla alla morte. Chiara si trovava ricoverata alle Molinette di Torino, e da quando era stata ospedalizzata data la brutta polmonite bilaterale sopraggiunta solo dopo qualche giorno, nessun parente aveva potuto vederla.

L’intero paese d’origine di Chiara è sotto choc, e si stringe attorno al dolore dei cari; “Tutta la nostra comunità si stringe alla famiglia della giovane madre in questo dolorosissimo momento”, ha detto il sindaco Oscar Ferrero. “Invito a rimanere tutti attenti e a non farvi sopraffare dal dolore e dalla paura, ma a reagire con forza e determinazione, rispettando le indicazioni di sicurezza. Riusciremo ad uscire da questo frangente più forti e responsabili”.