Tragedia in Campania: Michele stroncato dal Covid a 36 anni. Lascia due figli piccoli

Tragedia in Campania: Michele stroncato dal Covid a 36 anni. Lascia due figli piccoli

Solo ieri pomeriggio aveva fatto diverse video chiamate ai familiari, agli amici ed anche al sindaco


BENEVENTO/ARPAIA (BN) – Ancora una giovane vittima di Covid in Campania. Si tratta della  in Valle Caudina è un ragazzo di appena 36 anni. E’ la prima vittima nel comune di Arpaia. L’uomo, che si chiamava Michele Izzo, aveva 36 anni e lascia due figli piccoli.

Il decesso – come riportato da ilcaudino.it –  è avvenuto poco fa presso l’azienda ospedaliera San Pio di Benevento. Il 36enne si trovava ricoverato da 28 giorni. Le sue condizioni sono peggiorate nella tarda serata di ieri. Questa mattina è stato portato in terapia intensiva, ma, alla fine, il cuore non ha retto.

E’ un grande dolore quello che stanno vivendo i familiari e tutto il paese del beneventano. Nel pomeriggio di ieri, quando stava ancora bene, il 36enne ha fatto diverse video chiamate ai familiari, agli amici ed anche al sindaco della cittadina.

Ora anche per lui, come prevedono le regole, non ci potrà essere un abbraccio da parte dei familiari. Colpisce la giovane età di questa vittima del covid. Si tratta dell’ennesima dimostrazione di come questa maledetto virus può stroncare chiunque.

Con questo decesso, sale a 17 il numero delle vittime in Valle Caudina da quando è iniziata la cosiddetta seconda ondata della pandemia. Una strage silenziosa e continua che ha preso il via da Moiano e sta interessando, ad uno ad uno, tutti i comuni della Valle. Ma mai c’era stata la morte di un ragazzo tanto giovane.

Numerosi i messaggi di cordoglio.

Questo il post di Lucio:

“Amico mio, figlio anche della nostra comunità, la materna genitrice Beatrice Iaquinto, moianese. Sono vicino in questo momento di dolore infinito ai familiari tutti per la immatura dipartita del carissimo Michele Izzo”.