Verso il Dpcm, Speranza: “Coprifuoco anche a Natale e Capodanno, solo spostamenti necessari”

Verso il Dpcm, Speranza: “Coprifuoco anche a Natale e Capodanno, solo spostamenti necessari”

Chiarisce anche la posizione sul vaccino: non sarà obbligatorio ma partirà una “campagna di persuasione” a farlo


ITALIA – Nella serata di ieri, Roberto Speranza è intervenuto in collegamento durante la trasmissione “Live – Non è la D’Urso”, chiarendo alcuni punti che verranno introdotti nel prossimo Dpcm in vista del Natale. Il ministro ha affermato che “questo non sarà un Natale come gli altri” e che “non possiamo sbagliare” in merito alle regole per evitare il contagio.

“Di solito Natale significa possibilità di spostarsi, fare aggregazione e unirsi con persone che nel corso dell’anno non riusciamo a incontrare”, ha dichiarato Speranza. “Siamo dentro una pandemia molto significativa, con ospedali sotto pressione, medici e operatori sanitari in difficoltà e un alto numero di decessi, perciò non possiamo vanificare gli sforzi fatti fin qui”.

In merito al discorso inerente a cenoni e incontri durante le festività, il ministro della salute ha ricordato che già attualmente, è fortemente raccomandato di portare a casa persone che non siano conviventi. E bisognerà agire allo stesso modo anche durante il periodo natalizio, modificando temporaneamente le proprie abitudini e limitando i contatti, visto che la pandemia non è terminata.

Resterà quasi sicuramente il coprifuoco alle 22, anche nei giorni di Natale e Capodanno, così come in occasione della messa di mezzanotte alla vigilia di Natale. Una decisione necessaria, visto che è una delle norme che ha consentito in queste settimane di iniziare a piegare la curva dei contagi.

Spazio anche al tema vaccini: “All’inizio sarà in poche dosi e dovremo scegliere a chi distribuirle. Sicuramente i medici e il personale sanitario, poi ovviamente le persone con un’età anagrafica avanzata e i soggetti con altre patologie. L’obiettivo è quello di fare una grande campagna in grado di convincere gli italiani che il vaccino è la strada giusta per uscire dall’emergenza Covid” – ha concluso il ministro.

TORNA ALLA HOME E VISITA LA PAGINA FACEBOOK