Acerra, benzinaio reagì e sparò ad un rapinatore: condannato per tentato omicidio

Acerra, benzinaio reagì e sparò ad un rapinatore: condannato per tentato omicidio

I due balordi arrivarono all’interno del distributore e, armati di pistola minacciarono un dipendente, si fecero consegnare 30 euro ed una fede


ACERRA – Esplose dei colpi di pistola contro un rapinatore che, entrato nel bar del distributore di carburante, tento di rubare le sigarette dopo aver già depredato il denaro del locale. Per questo motivo, il Gip del Tribunale di nola, ha condannato ad una pena di 3 anni e 9 mesi per tentato omicidio, P.T., 47enne di Acerra.

 

L’uomo è stato ritenuto responsabile in primo grado di tentato omicidio: al termine del processo celebrato con il rito abbreviato ha rimediato una condanna di 3 anni e 9 mesi, mentre il pubblico ministero ne aveva chiesti 7. Il giudice gli ha riconosciuto le attenuanti generiche derivanti sia dall’essere un incensurato che dallo stato di ira provocato dall’aver subito una rapina. Il 47enne espierà la pena in affidamento in virtù della sospensione dell’ordine di carcerazione.

I due balordi arrivarono all’interno del distributore e, armati di pistola minacciarono un dipendente, si fecero consegnare 30 euro ed una fede. Non contenti però, ritornarono all’interno del locale e chiesero le sigarette. A quel punto, il titolare, armato di pistola, esplose alcuni colpi all’indirizzo dei due balordi che fuggirono.

I due uomini ritenuti gli autori  di quella rapina, Ciro E. e Gennaro C. entrambi di Afragola, secondo quanto riporta Nano Tv, sono già stati condannati a 3 anni e 6 mesi a testa in Appello.