Covid al Cardarelli: “paziente con sindrome di down legata al letto”. I medici ora rischiano il licenziamento

Covid al Cardarelli: “paziente con sindrome di down legata al letto”. I medici ora rischiano il licenziamento

La paziente si era recata in ospedale con mamma e sorella a causa di gravi problemi di deglutizione


NAPOLI – Rischiano un provvedimento disciplinare che contempla anche il licenziamento per i sanitari del Cardarelli di Napoli che la sera dello scorso 10 novembre non attivarono un percorso “ad hoc” per Eliana, una donna di 42 anni, all’epoca dei fatti positiva al Sars-Cov-2, affetta dalla sindrome di Down e non autosufficiente, che in ospedale c’era andata con mamma e sorella a causa di gravi problemi di deglutizione. Non solo.

La sua vicenda finirà proseguirà con una denuncia alla Procura di Napoli annunciata dalla mamma, che è la tutrice di Eliana, la quale ritiene che la figlia sia stata legata al letto. La Commissione Disciplinare dell’azienda ospedaliera, in una comunicazione fatta prevenire ai familiari di Eliana, ritiene possibili, al termine di una indagine interna, “gravi comportamenti suscettibili di rilevanza penale a carico del personale” che “impongono un coinvolgimento degli organi giudiziari preposti”.