Lezioni in presenza nel napoletano: Positivi al Covid una insegnante e tre bambini

Lezioni in presenza nel napoletano: Positivi al Covid una insegnante e tre bambini

Si tratta di uno dei pochi comuni dove sono tornati in classe gli alunni delle scuole dell’infanzia e quelli delle prime classi della primaria


SORRENTO – Una insegnante e tre piccoli alunni positivi al Covid. C’è preoccupazione a Sorrento ed in tutta la sua costiera dopo l’esito dei test cui sono stati sottoposti alcuni dei bambini che frequentano la scuola paritaria Santa Maria della Pietà. A far scattare l’allarme un malore improvviso che ha colpito la docente. Subito si è pensato al Covid. Per questo è stato richiesto l’intervento dei sanitari impegnati in piazza Angelina Lauro nello screening della popolazione predisposto dall’amministrazione comunale grazie ai test antigenici donati dalla Msc Foundation presieduta dall’armatore Gianluigi Aponte e distribuiti ai Comuni peninsulari attraverso la Fondazione Sorrento.

E gli esami rapidi hanno sancito che tanto la maestra, quanto tre dei suoi alunni, sono positivi al coronavirus. Tutti sono poi stati sottoposti ai tamponi nasofaringei che sono stati inviati all’Istituto zooprofilattico sperimentale del Mezzogiorno di Portici per ottenere la conferma della loro positività. Nel frattempo si tenta di capire come abbiano contratto il virus e se il loro contagio sia avvenuto all’interno dell’istituto scolastico.

Fatto sta che la vicenda ripropone la questione dell’opportunità della ripresa delle lezioni in presenza. Sorrento, infatti, è l’unico Comune dei sei della costiera ed uno dei pochi della provincia di Napoli dove sono tornati in classe gli alunni delle scuole dell’infanzia e quelli delle prime classi della primaria. Ciò in virtù di un’ordinanza del sindaco Massimo Coppola in vigore dallo scorso 9 dicembre.

Provvedimento in controtendenza rispetto a quelli dei suoi colleghi della zona che hanno deciso unitariamente di mantenere attiva la didattica a distanza per tutti gli studenti almeno fino al termine delle vacanze natalizie. Ma quanto accaduto a Sorrento sta già mettendo in dubbio il rientro degli studenti nelle loro aule anche il prossimo 7 gennaio. In realtà pure a livello nazionale e regionale si sta valutando l’ipotesi di far slittare ancora il ritorno tra i banchi. In attesa di capire quale possa essere la scelta migliore per evitare il rischio che proprio dalle scuole possa innescarsi la temuta terza ondata del Covid-19, alcuni amministratori del comprensorio sorrentino hanno già deciso di utilizzare i test della Msc Foundation per lo screening della platea scolastica.

FONTE: SORRENTOPRESS.IT