Napoli, aperto il negozio delle cravatte Marinella nonostante la “zona rossa”

Napoli, aperto il negozio delle cravatte Marinella nonostante la “zona rossa”

A documentarlo, i colleghi di Fanpage.it, attraverso un servizio video che mostra anche il mancato rilascio dello scontrino


NAPOLI – Il re delle cravatte made in Napoli, Maurizio Marinella, aperto nonostante la zona rossa ancora, sicuramente, vigente (mentre c’è incertezza per le decisioni che verranno rese note nelle prossime ore). A riferirlo, attraverso un articolo e servizio video, è Fanpage.it. Secondo i nostri colleghi, il noto e prestigioso marchio di sartoria è rimasto aperto nonostante il divieto vigente, senza alcuna autorizzazione. Come da loro documentato,  è bastato telefonare, annunciarsi ed entrare nella celebre bottega dello stile partenopeo. Sganciare cento euro e tornare a casa con una fiammante creazione del patron Maurizio. È egli stesso a servire il reporter di Fanpage.it, probabilmente perché  i dipendenti sono a casa come la legge dispone.

Aperto il negozio di via Chiaia, in barba alle regole imposte per la Campania, Marinella non può emettere scontrino fiscale: non potrebbe infatti vendere alcunché. Dunque c’è anche il secondo aspetto di questo “pasticciaccio brutto della Riviera di Chiaia”: non si può usare il bancomat, ovviamente, ma non si può nemmeno aprire la cassa («è chiusa» ammette lo stesso titolare dello storico negozio, peraltro più volte papabile candidato a sindaco di Napoli nel corso degli anni). Dunque, altra violazione: niente scontrino.

L’ARTICOLO DI FANPAGE.IT CON IL SERVIZIO VIDEO