Napoli, Gattuso parla della sua malattia all’occhio: “Da 10 giorni non sono più me stesso”

Napoli, Gattuso parla della sua malattia all’occhio: “Da 10 giorni non sono più me stesso”

“Se sono arrivati risultati non del tutto positivi probabilmente è anche per colpa mia”


NAPOLI – Al termine della partita del Napoli contro il Torino, terminata in pareggio, il mister Rino Gattuso ha voluto spiegare ai tifosi quello che gli sta succedendo in termini di salute: “Io ho una malattia auto-immune, si chiama miastenia, e per la terza volta in dieci anni che mi è presa questa malattia. L’occhio andrà al suo posto e sarò più bello il più presto possibile. I ragazzi mi sono stati vicini, ma sono stato male, ho fatto tanta fatica, perché il problema non è solo vedere doppio, solo un pazzo come me può stare in piedi. Perché non è facile vedere doppio ventiquattro ore al giorno. Bisogna accettarlo e cede di peggio nella vita, se un giorno devo decidere che non ci sono più, spero di farlo in un campo di calcio”.

“Da una decina di giorni non sono più me stesso – ha poi continuato – e se sono arrivati risultati non del tutto positivi probabilmente è anche per colpa mia”. Gattuso aveva a suo tempo spiegato che la malattia in questione, la miastenia oculare, era stata una delle motivazioni che lo spinsero, tra le altre cose, a smettere di giocare: “In campo vedevo sei Ibrahimovic e sei Nesta. Continuai a giocare ma quando entrai in tackle su Nesta capì che non potevo giocare più”.

Cos’è la miastenia oculare? – La miastenia oculare è una malattia che provoca problemi ai muscoli degli occhi e alle palpebre e insorge perché alcuni auto-anticorpi inibiscono il meccanismo nervoso che permette la naturale contrazione dei muscoli appartenenti al compartimento oculare, portando chi ne soffre a non riuscire a tenere aperti gli occhi in modo corretto.