Napoli, l’iniziativa solidale: aperta la mensa di Atitech per le famiglie bisognose

Napoli, l’iniziativa solidale: aperta la mensa di Atitech per le famiglie bisognose

Centocinquanta pasti caldi al giorno per dare sostegno alle persone dell’area di Secondigliano, San Pietro a Patierno e del Rione Sanità


CAPODICHINO – Centocinquanta pasti caldi al giorno per 50 famiglie dell’area di Secondigliano, San Pietro a Patierno e del Rione Sanità, a Napoli: è questa l’iniziativa di solidarietà promossa da Atitech che fino al prossimo 6 gennaio apre la sua mensa a Capodichino per dare un sostegno alle persone bisognose.

L’azienda, operativa nel settore della manutenzione di aeromobili narrow e wide body, sarà accompagnata in questo percorso di beneficenza dall’associazione Larsec attiva sul territorio e dai cuochi di Fratelli La Bufala. “In un momento storico come quello che stiamo vivendo penso che ognuno dovrebbe fare ciò che può, nel proprio piccolo o con maggiori mezzi. Ogni persona dovrebbe avere un pensiero per gli altri – dice Gianni Lettieri, presidente di Atitech -. Ho, quindi, deciso di riaprire la mensa aziendale, realizzando ciò che da qualche tempo era un mio desiderio: utilizzarla a vantaggio dei cittadini della zona meno fortunati”.

“Stiamo già collaborando con l’associazione Larsec (laboratorio di riscossa secondiglianese) per aiutare le famiglie del quartiere. In questo caso – aggiunge Lettieri – abbiamo organizzato una catena di solidarietà per il prelievo e la distribuzione dei pasti (è previsto un menù diverso ogni giorno) che verranno serviti ancora caldi grazie al contributo di tanti volontari dell’associazione”.