Nuovo Dpcm, il governo raccomanda: “Per Natale non ricevete a casa persone non conviventi”

Nuovo Dpcm, il governo raccomanda: “Per Natale non ricevete a casa persone non conviventi”

“Noi non possiamo entrare nelle case delle persone e imporre delle stringenti regole”, ha dichiarato Conte


ITALIA – Da oggi fino al 15 gennaio sono entrate in vigore le nuove restrizione del Dpcm per arginare i contagi da Covid. Il punto fondamentale di queste festività era proprio i pranzi natalizi e i cenoni svolti in casa, a proposito di ciò Conte, nella diretta di ieri ha dichiarato: “Noi non possiamo entrare nelle case delle persone e imporre delle stringenti regole. Per questo formuliamo una forte raccomandazione, la chiediamo a tutti. raccomandiamo fortemente di non ricevere a casa persone non conviventi, soprattutto in queste situazione che sono di maggiore convivialità è una cautela essenziale. Non solo per noi stessi ma per proteggere i nostri cari”.

Intanto per chi vuole pranzare fuori casa il giorno di Natale è consentito andare a pranzo a ristorante. La raccomandazione per chi invece decide di rimanere a casa è di non invitare persone non conviventi. E comunque di proteggere le persone anziane e con fragilità, anche utilizzando il distanziamento e le mascherine quando non si sta a tavola. È confermato il divieto di organizzare feste nei locali pubblici e nei luoghi privati. Così come non si può uscire dal proprio comune. La sera della vigilia di Natale, il 24 dicembre si deve rientrare nella propria abitazione entro le 22. La messa di Natale sarà celebrata alle 20 e la Conferenza episcopale ha comunque raccomandato alle parrocchie di fissare funzioni religiose nell’arco dell’intera giornata di Natale per evitare gli assembramenti e sempre nel rispetto dei protocolli che prevedono l’uso della mascherina, il distanziamento e le acquasantiere vuote.