Scuola, Azzolina: “Il 7 gennaio si torna in aula”. I presidi sono contrari

Scuola, Azzolina: “Il 7 gennaio si torna in aula”. I presidi sono contrari

“Se lasciamo i nostri studenti a fare solo didattica a distanza è il Paese che un giorno perderà competenze”, ha dichiarato il Ministro


ITALIA – Il 7 gennaio si trona a scuola, tutti, ragazzi delle superiori compresi. Ed è proprio sul ritorno in classe al 75% per gli studenti delle superiori che si gioca la partita: assicurare la ripresa delle lezioni tra i banchi, lasciando alla didattica online solo il 25%, è l’obbiettivo del governo. La ministra all’Istruzione, Lucia Azzolina assicura che l’esecutivo è compatto: per quella data non ci saranno scuse. Sempre che non sia la curva dei contagi a fare brutte sorprese dopo le festività natalizie.

Quindi la ripresa della didattica è attesa per il giorno 7, è un giovedì e cade proprio all’indomani della fine del lockdown che è stata fissata al 6 gennaio. Quindi si rientrerà per due giorni in classe, il 7 e l’8 gennaio, con il rischio che molti docenti non saranno in classe, soprattutto nelle scuole del Nord, perché sono tornati a casa per festeggiare e lì resteranno in zona rossa. I problemi ci saranno, ma la data non si tocca: “Non fa niente che il 7 sia un giovedì – ha spiegato la Azzolina, ieri, ai microfoni di “In mezz’ora” – non possiamo perdere nemmeno un’altra ora. Se lasciamo i nostri studenti a fare solo didattica a distanza è il Paese che un giorno perderà competenze. La scuola è anche motore di sviluppo economico del Paese. Non si può dire a un negozio: è giovedì, resta chiuso. Perché perderebbe l’incasso: ecco, anche la scuola ha il suo incasso”.

Oggi o domani, al massimo, dovrebbe arrivare, come riportato da Il Mattino,  l’ufficialità sul piano per la riapertura di gennaio: si punta al potenziamento dei trasporti pubblici, per evitare assembramenti sui bus o nelle metropolitane ma anche sui treni per i ragazzi che si spostano da un paese all’altro, allo scaglionamento degli orari di ingresso a scuola per aiutare i trasporti alleggerendone il carico e al tracciamento dei contagi negli istituti, con delle corsie preferenziali per monitorare e fare screening su docenti e studenti. Per il trasporto pubblico sono al lavoro i tavoli provinciali con i prefetti, per cercare soluzioni. Ma a quegli incontri mancano i dirigenti scolastici: non ne fanno parte, a rappresentare la scuola ci sono gli uffici scolastici ma non presidi e docenti. “È necessario che a tutti i tavoli provinciali coordinati dai prefetti siano invitati anche i dirigenti scolastici. Non è tempo di soluzioni calate dall’alto e soprattutto non c’è tempo da perdere – spiega Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione nazionale dei presidi – Hanno piena contezza delle necessità di spostamento di studenti e docenti e quindi sono in grado di proporre soluzioni ragionevoli e basate sui dati di realtà. Le istituzioni scolastiche conoscono le esigenze del territorio e dell’utenza: la loro esclusione dai tavoli prefettizi rischia di rendere vano il lavoro compiuto finora”. Tra i dubbi maggiori c’è innanzitutto la percentuale del 75% come limite minimo di presenza in classe: ogni scuola dovrebbe individuare da sé la sua capacità massima.  Sulla stessa linea anche le Regioni che chiedono di rivedere la soglia di presenza: Veneto e Campania chiedono di abbassare la soglia al 50% e, prima di loro, qualche dubbio era stato avanzato anche da Piemonte e Lombardia. Non meno importante la questione degli orari: la linea generale dovrebbe prevedere orari diversi, nell’arco di due ore, in entrata e quindi anche in uscita. Se la prima classe entra alle 8, l’ultima entrerà alle 10.