Vaccino Covid, Biontech: “Probabile che funziona anche su variante inglese”

Vaccino Covid, Biontech: “Probabile che funziona anche su variante inglese”

L’azienda farmaceutica tedesca si è detta comunque  in grado di sviluppare un nuovo vaccino, in grado di combattere la variante inglese del coronavirus in sei settimane


NAZIONALE – La BionTech ritiene che il vaccino contro il coronavirus sviluppato insieme alla società farmaceutica statunitense Pfizer sia efficace contro la variante inglese. Lo ha dichiarato l’amministratore delegato della società farmaceutica tedesca, Ugur Sahin, sottolineando che, come riportato da il Messaggero,  per averne la certezza saranno necessari altri studi. “Non sappiamo al momento se il nostro vaccino è anche in grado di fornire protezione contro questa nuova variante”, ma poiché le proteine ​​sulla variante sono al 99% le stesse dei ceppi prevalenti, BioNTech ha “fiducia” nel vaccino, ha proseguito Sahin. La BioNTech sta attualmente conducendo ulteriori studi e spera di avere certezza dell’efficacia nelle prossime settimane. “La probabilità che il nostro vaccino funzioni è relativamente alta”, ha detto.

L’azienda farmaceutica tedesca si è detta comunque  in grado di sviluppare un nuovo vaccino, in grado di combattere la variante inglese del coronavirus in sei settimane. Lo ha dichiarato l’amminstratore delegato Ugur Sahin, affermando che “possiamo iniziare direttamente a progettare un vaccino che imiti completamente questa nuova mutazione, potremmo essere in grado di fornire un nuovo vaccino tecnicamente entro sei settimane”.

Intanto Pfizer e Moderna stanno effettuando dei test per verificare se i propri candidati vaccini sono efficaci anche contro la ‘variante inglesè del Sars-CoV-2. Lo affermano, riporta il sito della Cnn, le due aziende, che si dicono comunque ottimiste sull’esito. “La chiave” del vaccino anti-Covid “funziona ancora”, anche se circola la variante inglese di Sars-CoV-2. Ne è convinto Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute per l’emergenza coronavirus, intervenuto a “Buongiorno” su SkyTg24. “Le mutazioni nei virus avvengono costantemente – ha spiegato – però di fatto raramente alterano completamente” la “serratura” su cui agisce la “chiave” vaccino. “In questo momento, dai dati che ci hanno dato i colleghi inglesi, questa “serratura” non è alterata. Quindi questa chiave vaccinale è ancora in grado di aprire e di proteggerci – ha precisato Ricciardi – Naturalmente dobbiamo continuare a monitorare, ma il monito e l’incoraggiamento è accelerare la vaccinazione, per proteggere più persone e nel modo più rapido possibile”.