Annullamento bonus spesa, Arianna Organo: “Non so se ridere o piangere”

Annullamento bonus spesa, Arianna Organo: “Non so se ridere o piangere”

La candidata sindaco per Potere al Popolo alle ultime elezioni, si esprime sulla questione che ha visto 7 consiglieri comunali che fanno capo all’ex sindaco Antonio Poziello, protocollare una richiesta di annullamento del bonus spesa


GIUGLIANO – Arianna Organo, candidata sindaco con Potere al Popolo durante le ultime elezioni a Giugliano, si esprime sulla questione che ha visto 7 consiglieri comunali, che fanno capo all’ex sindaco Antonio Poziello, protocollare una richiesta di annullamento del bonus spesa.

Ecco le sue parole: “Ci sarebbe da ridere se non ci fosse da piangere! Orbene; che vi è stata una certa confusione nella compilazione delle liste per i buoni spesa è accertato, così come è certo che vi sono famiglie aventi diritto, che aspettano buoni affitto e spesa dalla scorsa quarantena, così come per i buoni libro, ancora non del tutto distribuiti quelli degli anni 2015/2016… per non parlare delle quote per i morosi incolpevoli, le quali nonostante l’approvazione e l’arrivo in comune, sono rimasti a volte per anni a fare la muffa mentre si decideva chi e come distribuirli” – afferma l’ex candidata sindaco.

“Fanno ridere perché dimenticano di essere stati al posto di comando, qualcuno di loro, mentre succedeva questo.
Fanno piangere perché non si rendono conto che in tutte queste miserabili diatribe sia sempre il popolo a rimetterci.
Quel popolo che avrebbe preferito un lavoro all’elemosina dei bonus, quel popolo che avrebbe diritto ad una casa popolare, per la quale, a volte è in lista da una vita, quel popolo che non può pagare i libri ma vorrebbe che i propri figli studiassero. Famiglie con disabili che vivono condizioni di estrema difficoltà da sempre e che hanno subito l’ennesimo schiaffo di un sostegno non ricevuto perché qualcuno aveva dimenticato o perso i dati” – sostiene Organo.

“Non basta fare le cose presto per il timore di essere attaccati dagli avversari politici, le cose bisogna farle presto e bene perché c’è gente che ha bisogno ma soprattutto ha DIRITTO! La campagna elettorale è finita, ma questa è l’ennesima prova che per molti, la politica è solo propaganda, chiacchiere da bar e post su Facebook. Consapevoli che molti non sono capaci di tutelare il popolo, semplicemente perché non lo vedono, abbiano almeno, questi signori,la volontà di lavorare; semplice lavoro di ufficio, per un padrone molto esigente: il popolo che avete scelto di rappresentare. Orsù anche la minoranza ha doveri, non vorrete passare i prossimi 4 anni ad attaccare la maggioranza in maniera sterile! Minoranza non minorati, potete fare di più e meglio, fatelo! LA GENTE È STANCA DEI VOSTRI TEMPI BIBLICI, L’EMERGENZA È ADESSO!” – conclude l’ex candidata sindaco.

TORNA ALLA HOME E VISITA LA PAGINA FACEBOOK