Arrestato latitante del clan Gionta: aveva trascorso le feste con la famiglia

Arrestato latitante del clan Gionta: aveva trascorso le feste con la famiglia

Era stato condannato a 14 anni di carcere e per questo si era reso latitante. È stato sorpreso nella sua abitazione


NAPOLI – Raffaele Sperandeo, 43enne, era stato condannato lo scorso settembre a 14 anni di carcere e per questo si era reso latitante. La scorsa notte i Carabinieri hanno atteso il suo ritorno a casa per la chiusura delle feste e sono riusciti a catturarlo.

L’uomo, originario di Torre Annunziata, è stato sorpreso nella sua abitazione. Era uno dei capi del cartello formato dai Gionta con i Nuvoletta di Marano e i Di Gioia di Torre del Greco per l’importazione della cocaina dal Sud America.

Sperandeo, assistito dall’ avvocato Ciro Ottobre, aveva ottenuto la scarcerazione per decorrenza dei termini di detenzione ed era tornato libero. La condanna definitiva a 14 anni di carcere l’aveva però spinto a scappare, iniziando una latitanza durata circa 3 mesi. Con l’arrivo delle festività non ha saputo resistere al richiamo della famiglia e proprio a casa sua è stato arrestato.

È stato accompagnato nel penitenziario di Secondigliano dove sconterà il residui quattro anni di reclusione per associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti.