Balena morta rinvenuta dalla Guardia Costiera nelle acque del porto nel napoletano

Balena morta rinvenuta dalla Guardia Costiera nelle acque del porto nel napoletano

L’esemplare era lungo 20 metri per un peso stimato di oltre 50 tonnellate. Avvistato, nelle vicinanze, un suo simile, più giovane


SORRENTO – Nella tarda serata di Giovedì 14 Gennaio è stato avvistato un esemplare di balena all’interno del porto di Sorrento che sbatteva, in evidente stato di agitazione, contro la banchina dedicata allo sbarco passeggeri procurandosi diverse ferite.

Il personale dell’Ufficio Locale Marittimo di Sorrento si è prontamente attivato per cercare di tutelare la salute dell’animale che dopo pochi minuti però, si immergeva facendo perdere le proprie tracce. Purtroppo a causa dell’oscurità e della pericolosità dell’operazione non era possibile effettuare un immersione immediata nelle acque del sorgitore Sorrentino per verificare la presenza e lo stato di salute del cetaceo.

Alle prime luci dell’alba di Venerdì 15, la Capitaneria di Porto di Castellammare, coordinata dalla Direzione Marittima di Napoli, richiedeva l’intervento immediato del personale del 2° Nucleo Operatori Subacquei della Guardia Costiera che si immergevano e potevano constatare che sul fondo del porto, ad una profondità di
circa 13 metri, era presente la carcassa di una balena delle dimensioni di oltre 20 metri per un peso stimato di oltre 50 tonnellate.

Le immagini riprese dagli operatori subacquei della Guardia Costiera non sembrano compatibili con l’esemplare avvistato in superficie il giorno precedente che si riferivano probabilmente ad un esemplare più giovane, rispetto a quello rinvenuto privo di vita sul fondale del porto.

Gli uomini ed i mezzi della Capitaneria di Sorrento stanno continuando a pattugliare le acque della penisola sorrentina per provare e rintracciare il giovane cetaceo avvistato giovedì ed accertarsi delle sue condizioni di salute.

CLICCA QUI PER GUARDARE IL VIDEO