Condannato a morte nel 1994, è stato scagionato dopo 26 anni: ora è libero

Condannato a morte nel 1994, è stato scagionato dopo 26 anni: ora è libero

La sua condanna era basata sull’esame di alcuni morsi presenti sul corpo della vittima, una donna trovata morta


USA – Per 26 anni ha atteso l’esecuzione capitale dopo essere stato condannato a morte nel 1994 per lo stupro e l’omicidio di un’84enne, Georgia Kemp, trovata morta nella sua casa. Ora, a 67 anni, Eddie Lee Howard è stato scagionato e, dopo anni di carcere, è libero. E’ accaduto in Mississipi, negli Stati Uniti. La sua condanna era basata sull’esame di alcuni morsi presenti sul corpo della vittima. Testimonianze, test del dna non sono comunque serviti a scagionare l’uomo, che in questi anni si è visto confermare la condanna più volte. Ora tutte le accuse contro di lui sono cadute, il giudice ha respinto l’accusa di omicidio.

Una nuova opinione forense sui morsi, altri testimoni alibi e ulteriori test del dna hanno contribuito a scagionarlo. “La realtà è che non ci sono mai state prove contro Eddie Lee Howard”, ha detto Chris Fabricant , avvocato di Howard.

Tramite l’organizzazione Innocence Project, Howard ha ringraziato tutte le persone che in questi anni lo hanno aiutato e hanno lavorato per lui. “Senza di loro sarei ancora in attesa di essere giustiziato”.

FONTE: TGCOM24.IT