Covid a Napoli, contagi nelle scuole: altri 20 studenti positivi, 7 sono delle superiori

Covid a Napoli, contagi nelle scuole: altri 20 studenti positivi, 7 sono delle superiori

Questi i dati diffusi dall’ultimo bollettino della Asl Napoli 1


NAPOLI – Altri 20 studenti e 4 docenti positivi al Coronavirus nelle scuole di Napoli. È quanto emerge dall’ultimo bollettino della Asl Napoli 1, su segnalazioni delle Unità Operative di Prevenzione Collettiva del Dipartimento di Prevenzione competenti per il territorio dove sono gli istituti scolastici.

In questi 20 rientrano anche gli alunni delle scuole medie, le quali sono rientrate in classe per le lezioni in presenza lunedì scorso. Mentre salgono a 7 i contagi tra gli alunni delle superiori il cui rientro è previsto per lunedì 1 Febbraio

LA MAPPA

I 20 nuovi casi di positività registrati a Napoli sono così distribuiti: Nel distretto sanitario 24 (Chiaia, San Ferdinando, Posillipo) ci sono 2 studenti di scuola primaria positivi. Mentre nel distretto 25 di Bagnoli e Fuorigrotta sono 3 gli alunni della primaria e 3 della scuola secondaria di II grado, che fanno lezione in dad, affetti dal virus. Tre i bambini positivi anche nel distretto 27 (Arenella, Vomero), tutti con contatti familiari positivi, e tre studenti di scuola secondaria di II grado, anch’essi con tre familiari positivi ognuno. Uno studente di scuola primaria positivo del distretto 28 che riguarda i quartieri di Chiaiano, Piscinola e Marianella, dove sono positivi anche un docente di scuola dell’infanzia e uno delle scuole medie. Nel distretto 29 (Stella-San Carlo all’Arena) c’è un bambino della materna con il virus e uno della primaria, ma anche un docente di scuola superiore che svolge lezione in dad. Dal distretto dei quartieri di Ponticelli, Barra, San Giovanni a Teduccio è stato segnalato un bimbo della scuola dell’infanzia positivo e un maestro di scuola primaria. Hanno il covid19 anche due studenti dei quartieri San Lorenzo, Vicaria e Poggioreale, uno frequenta la scuola primaria e l’altro fa la dad perché è alle superiori.

Dalla prossima settimana, intanto, ci saranno in strada anche i volontari della Protezione Civile regionale che coordineranno i flussi di passeggeri sui mezzi pubblici per evitare assembramenti nelle ore di punta, con particolare riguardo agli studenti delle superiori. I volontari saranno distribuiti negli ‘hotspot’, punti di maggiore concentrazione, quali fermate delle linee di trasporto e istituti scolastici negli orari di ingresso e di uscita degli studenti.