Covid a Napoli, sette positivi dopo la prima dose di vaccino

Covid a Napoli, sette positivi dopo la prima dose di vaccino

si sono registrati contagi tra il personale degli ospedali di frontiera, si tratterebbe di due medici, quattro infermieri e un operatore socio-sanitario


NAPOLI – Come già è accaduto altrove, anche a Napoli si sono registrati contagi tra il personale degli ospedali di frontiera, sottoposti al primo giro di vaccino Pfizer. Al momento i casi rilevati a Napoli sono sette, si tratterebbe di due medici, quattro infermieri e un operatore socio-sanitario. Tutto però è nella norma secondo i dati comunicati dalla casa produttrice, è risaputo infatti che i vaccini anti-Covid rendono immuni dopo 7 giorni dalla seconda dose,  che deve essere somministrata a distanza di 21 giorni dalla prima.

A essere risultati positivi sono: un medico dell’Asl, “pioniere” del V-day che non si è presentato per il richiamo alla Mostra d’Oltremare, così come è stato fatto anche da un altro medico e da un infermiera in servizio al Cardarelli, risultati assenti nonostante avessero assunto la prima dose rispettivamente il 27 e il 31 dicembre. E poi, tre infermieri e un operatore sociosanitario in servizio al Cotugno che avrebbero dovuto fare il richiamo tra pochi giorni.

Non è possibile stabilire il momento del contagio, per il medico dell’Asl si presume che il contagio si avvenuto poco prima della somministrazione della prima dose, poiché ha iniziato ad avvertire i sintomi poco dopo. Ed è stato per ora l’unico positivo tra i 224 dipendenti inseriti nel database dell’azienda sanitaria.