Dramma sull’asfalto: 40enne muore di infarto dopo l’Alt della polizia

Dramma sull’asfalto: 40enne muore di infarto dopo l’Alt della polizia

I poliziotti hanno subito allertato i soccorritori del 118 che però non hanno potuto far altro che constatare il decesso


SAN GIOVANNI TEATINO (CHIETI) – Tragedia a San Giovanni Teatino, in provincia di Chieti dove un uomo di 40 anni, Antonio Pagniello, autotrasportatore per Acqua&Sapone, è morto in seguito ad un infarto dopo essere stato fermato dalla Polizia stradale. La tragedia è avvenuta a Città Sant’Angelo intorno alle due di notte di martedì, mentre Pagniello si stava recando al lavoro

Il 40enne, secondo quanto riportato da una testata locale, stava percorrendo la circonvallazione in direzione Nord quando è stato fermato da una pattuglia della stradale, impegnata nei controlli per il rispetto delle restrizioni anti-Covid. A quel punto è sceso dall’auto e ha mostrato agli agenti i documenti e l’autocertificazione per motivi lavorativi. All’appello mancava soltanto la carta di circolazione. Nel risalire in macchina per recuperarla, però, l’uomo ha avuto un malore che si è poi rivelato fatale.

I poliziotti, resisi conto della gravità della situazione, hanno subito allertato i soccorritori del 118, che però non hanno potuto far altro che constatare il decesso del 40enne.