Pandemia Covid-19, il Governo verso la proroga dello stato d’emergenza al 31 luglio

Pandemia Covid-19, il Governo verso la proroga dello stato d’emergenza al 31 luglio

Attesa, intanto, per il prossimo Dpcm, che dovrebbe entrare in vigore dal prossimo 15 gennaio


ITALIA – Emergono nuovi scenari in merito allo stato d’emergenza dovuto alla pandemia da Covid-19: il governo di Giuseppe Conte vorrebbe infatti prorogarlo fino al prossimo 31 luglio 2021. Intanto, è atteso per il prossimo 15 gennaio un nuovo Dpcm, attraverso il quale dovrebbe essere ripristinato il sistema a colori, ossia dividere il territorio italiano in base all’indice di contagio Rt in zona gialla, arancione e rossa in tutta Italia.

Nel periodo fino al 15 gennaio, varranno le stesse regole per tutta Italia seppur diverse giorno per giorno: disposta infatti zona gialla rafforzata il 7 e l’8 gennaio, zona rossa nel week end 9-10 gennaio, mentre da lunedì 11 si ritornerà alle zone che cambieranno in ogni regione dopo il nuovo monitoraggio dell’Istituto Superiore di Sanità con la modifica dell’indice di contagio Rt: ci sono dieci regioni da valutare attentamente, tra cui Veneto, Liguria e Campania.

Subito dopo, crisi di governo permettendo, il governo Conte comincerà a lavorare al nuovo decreto legge e al nuovo Dpcm che regoleranno la vita degli italiani durante questa fase dell’emergenza coronavirus. Giuseppe Conte è pronto a prorogare di altri sei mesi, ovvero fino al 31 luglio, lo stato d’emergenza dopo la proroga del 31 ottobre fino al 31 gennaio. Le opzioni considerate sono due:  il 31 marzo e il 31 luglio. Quest’ultima data è ritenuta più opportuna, ossia l’ultima a disposizione visto che secondo il Codice della Protezione Civile che regola lo stato d’emergenza è prorogabile solo di 12 mesi e poi di altri 12, ma questo non vuol dire che possa durare per due anni: la seconda proroga va conteggiata rispetto alla prima, che è avvenuta il 31 luglio 2020.

TORNA ALLA HOME E VISITA LA PAGINA FACEBOOK