Si toglie la vita a 39 anni, il commovente messaggio dell’amica: “Pensavo ti saresti riscattata”

Si toglie la vita a 39 anni, il commovente messaggio dell’amica: “Pensavo ti saresti riscattata”

“Volevi venire in Africa per rimanerci e sono sempre stata convinta che ci saresti stata benissimo. Eravamo piccole, quante avventure insieme”


MARCIANISE – Risaliva a qualche ora fa la notizia della morte di Irene Maltempo, 39enne residente a Marcianise che oggi poco dopo le 12 aveva deciso di compiere un gesto estremo togliendosi la vita. A distanza di poco tempo sono arrivati a centinaia i messaggi di sgomento sui social da parte di amici e conoscenti, tra i quali si è differenziato quello di Venere, amica stretta della vittima: “E così che sei volata via stamattina. Con dentro di te tutti i colori che hanno animato la tua vita e che in tutti i modi hai tentato di esternare al mondo attraverso la pittura, il disegno, la poesia, la recitazione, il canto. Amica cara, folle amica, artista incompresa ma mai pazza”.
“Geniale nella tua arte, tormentata nella tua quotidianità, divertente compagna di studi e di viaggio, in chiunque ti ha conosciuto hai lasciato un pizzico della tua esplosiva vitalità che spesso nel tempo, ha fatto paura a tanti. Ti fermavi sempre quando per strada vedevi un mendicante e se potevi gli lasciavi qualcosa di te con amore e con un sorriso pronto a splendere e allo stesso modo, negli utili anni ti sei dedicata al volontariato per i bambini in ospedale. Da sempre hai cercato giustizia, quella vera, perché il mondo padroneggia da troppo tempo una legge che non era uguale per tutti. Questo ti faceva impazzire, ti faceva male da dentro e avevi tutte le tue ragioni. Che esplosione di vita che eri Irene!!”.
“Volevi venire in Africa per rimanerci e sono sempre stata convinta che ci saresti stata benissimo. Eravamo piccole, quante avventure insieme. Ci stavamo appena affacciando alla vita quando prendesti coscienza del peso enorme della tua esistenza e tu, con la tua creatività hai saputo indossare il coraggio, la spensieratezza e l’hai combattuta giorno dopo giorno. Mi hai spezzato il cuore con la tua dipartita. Rotto. A pezzi. La prima cosa che mi sono chiesta è stata” ma cosa hai fatto?!”, ”perché? “.

Ma ora è tutto inutile. Ora sei già via e solo le mie preghiere potranno raggiungerti. Ero certa che avresti avuto davanti a te ancora tutto il tempo che ti serviva per riscattarti dal tuo passato e dal tuo presente così ostile e poco generoso perché te lo meritavi più di tutti!”

“Ti lodavo per la tua dote artistica e tu ne andavi fiera e senza perdere tempo mi incoraggiavi a crederci di più, più forte, perché mi credevi più brava di te. No, non si può essere più di te, semplicemente perché tu eri e sarai Irene Maltempo, un nome importante, una grande artista, un’altra grande storia che verrà ricordata per sempre non solo nella nostra città, che tanto amavi e odiavi con tutta te stessa, ma verrai ricordata ovunque, ovunque riecheggeranno le tue note , le tue parole e ovunque brilleranno le tue mostre e le tue meravigliose tele. Mia Ire, ora sei libera da tutto, senza più pensieri ne catene. Fa buon viaggio amica mia”.