Statua in onore di Diego Armando Maradona, la Procura apre un’indagine

Statua in onore di Diego Armando Maradona, la Procura apre un’indagine

Blitz a Palazzo San Giacomo della Digos che ha acquisito gli atti relativi al progetto


NAPOLI – La statua di Diego Armando Maradona da realizzare a piazzale Tecchio davanti lo stadio che porta il suo nome già fa parlare di sé. E purtroppo le notizie sono tutt’altro che positive. La Digos ha infatti effettuato un blitz al Comune di Napoli acquisendo gli atti relativi alla realizzazione della statua.

Da Palazzo San Giacomo era stata annunciata una manifestazione di interesse per valutare il progetto migliore e, contestualmente, attivato un conto corrente per la raccolta fondi in ‘crowdfunding’. Le indagini della Procura sono focalizzate sulla commissione che decreterà il progetto vincente, all’interno della quale figurano anche due componenti vicini al mondo degli ultras partenopei.

L’obiettivo è capire su quali basi siano stati scelti i componenti della commissione stessa. Presenti il direttore regionale Musei Campania Marta Ragozzino, il sovrintendente per l’Archeologia, belle arti e paesaggio Luigi La Rocca, il direttore dell’Accademia di belle arti Renato Lori, i professori Stefano Causa dell’Università Suor Orsola Benincasa, Francesca Marone dell’Università Federico II e Gaia Salvatori dell’ Università della Campania Luigi Vanvitelli.

E poi ancora Paolo Jorio, direttore del Museo Filangieri, la giornalista Anna Trieste, l’ex calciatore Giuseppe Bruscolotti, il campione olimpico Patrizio Oliva, l’ultras Gennaro Grosso e l’avvocato dei tifosi Emilio Coppola. Ad oggi non esistono indagati e si tratta dunque di un’indagine di tipo conoscitivo che viene condotta dallo stesso pool di pm, vale a dire Antonello Ardituro, Celeste Carrano, Luciano D’Angelo e Danilo De Simone, che indaga sui disordini in città nella notte tra il 22 e 23 ottobre 2020.

In quella circostanza, infatti, dopo che il governatore Vincenzo De Luca aveva annunciato un nuovo imminente lockdown, in tantissimi scesero in strada a Santa Lucia e poco dopo le proteste degenerarono in scontri violenti con le forze dell’ordine.

Dal canto suo, in merito al progetto della statua dedicata al Pibe de Oro, il Comune aveva annunciato che la commissione giudicatrice sarebbe stata formata “da autorevoli esponenti cittadini del settore dell’arte e della cultura e da rappresentanti del mondo dello sport”. Accanto a loro Diego Armando Maradona junior e, come detto, rappresentanti della tifoseria.