Torna in carcere dopo un permesso con 17 ovuli di droga nello stomaco: uno si rompe, è grave

Torna in carcere dopo un permesso con 17 ovuli di droga nello stomaco: uno si rompe, è grave

Il detenuto è attualmente ricoverato in terapia intensiva in un ospedale napoletano


ARIANO IRPINO – Si trova in pericolo di vita un detenuto, che dopo un permesso è rientrato in carcere con 17 ovuli di cocaina all’interno del suo intestino. La cosa peggiore, tuttavia, è che uno degli ovuli si è aperto, e l’uomo ora rischia gravemente la vita. Attualmente si trova ricoverato in terapia intensiva di un ospedale napoletano. A darne notizia sono stati Vincenzo Palmieri e Luigi Castaldo, segretari dell’Osapp. «La polizia penitenziaria, – hanno commentato i sindacalisti – insieme con il ritrovamento dei 100 grammi di hashish ieri, ha sventato una sorta di droga party della Befana, dimostrando, ancora una volta, elevate capacità professionali, malgrado le forti criticità e difficoltà operative».

«Purtroppo, nonostante i benefici previsti e concessi per legge dai magistrati di sorveglianza di turno, molti detenuti non hanno remore a perpetrare reati, anche rischiando la propria vita. E ciò deve indurci a riflessioni – dicono ancora – affinché si possano apportare le dovute modifiche legislative e deterrenti a questi incresciosi fenomeni che destabilizzano l’ordine e la sicurezza dei penitenziari».