USA, cambio di rotta per Donald Trump: per la prima volta ammette la sconfitta contro Biden

USA, cambio di rotta per Donald Trump: per la prima volta ammette la sconfitta contro Biden

Intanto sale a 5 il numero dei morti durante la rivolta di Capitol Hill, perde la vita anche un agente che cercava di fermare l’assalto


STATI UNITI – Un agente di Polizia del Congresso è morto in seguito alle ferite riportate durante l’assalto da parte dei sostenitori di Donald Trump a Capitol Hill. L’agente Brian Sicknick stava rispondendo all’assalto di mercoledì 6 gennaio al Campidoglio, quando è stato ferito. Tornato in caserma è crollato ed una volta in ospedale non c’è stato nulla da fare. Sale a 5 il bilancio dei morti a causa delle rivolte.

I tragici eventi forse hanno fatto riflettere Trump che, per la prima volta dopo settimane di politica incendiaria per ribaltare l’esito delle elezioni, riconosce la sua sconfitta, pur senza mai citare Joe Biden: “Il Congresso ha certificato i risultati delle elezioni. Una nuova amministrazione sarà inaugurata il 20 gennaio. Il mio obiettivo ora è quello di assicurare una transizione dei poteri tranquilla e ordinata”.

Tramite un video pubblicato su Twitter, si rivolge ai cittadini americani condannando le violenze del giorno passato e invitando tutti alla riconciliazione. “È l’ora di raffreddare gli animi e di ripristinare la calma. Bisogna tornare alla normalità dell’America – sono queste le parole del Presidente uscente, poi si rivolge ai protagonisti delle rivolte di Capitol Hill -Voi non rappresentate il nostro Paese. E coloro che hanno infranto la legge pagheranno”. Sottolinea che l’America è un paese di “law and order”, e a questi principi invita a ritornare.

Nonostante non abbia menzionato i presunti brogli elettorali, le sue parole continuano a esprimere il suo malcontento: “Continuo fortemente a credere che dobbiamo riformare le nostre leggi elettorali per verificare davvero l’identità degli elettori e il diritto al voto e ripristinare la fiducia nel nostro sistema”.

È ai suoi sostenitori che dedica l’ultima parte del video: “So che siete delusi, ma voglio anche che sappiate che il nostro incredibile viaggio è solo all’inizio”, un passo indietro quindi, ma non la fermata definitiva, Trump avvisa che probabilmente sentiremo parlare di lui ancora per un po’.

Intanto i sostenitori di Biden, tra cui leader democratici in Congresso, Nancy Pelosi e Chuck Schumer, hanno richiesto il ricorso al 25mo emendamento e, in caso contrario, si sono detti pronti anche a un nuovo impeachment. Ma il vicepresidente Mike Pence si è dichiarato contrario. Lo stesso Biden ha rifiutato l’idea di mettere fine in anticipo al governo Trump dichiarando di non essere interessato ad una discussione che potrebbe solo dividere ulteriormente il Paese.

Intanto incalzano le accuse verso Trump, per incitamento alla violenza e per coinvolgimento alle rivolte di Capitol Hill, è per questo che si ipotizza che il presidente uscente abbia intenzione di auto-graziarsi prima della fine del suo mandato.