Vaccini, clausola nel contratto con Pfizer: “Se ci sono reazioni avverse, paga lo Stato”

Vaccini, clausola nel contratto con Pfizer: “Se ci sono reazioni avverse, paga lo Stato”

In merito a reazioni avverse alla somministrazione, la società si dichiara non responsabile per eventuali richieste di risarcimenti e indennizzi


ITALIA – Il Commissario straordinario all’emergenza Domenico Arcuri ha deciso di diffidare Pfizer per i ritardi avvenuti nella consegna delle dosi di vaccino contro il Covid. Il documento inviato ieri, 25 gennaio, chiede il «rispetto degli obblighi contrattuali relativi, anzitutto, alla mancata consegna di dosi destinate alla campagna di vaccinazione della popolazione italiana». Con la minaccia di «ulteriori azioni da intraprendere, in sede nazionale ed europea, a tutela della regolare prosecuzione della campagna e della salute dei cittadini». Arcuri vorrebbe tentare una causa civile con una richiesta di risarcimento danni, seguito da un esposto penale per danno procurato alla salute pubblica, contenuto da presentare poi in sede europea.

Per domani, 27 gennaio, il totale delle dosi in Italia sarà pari a circa 2 milioni e 300 mila. Poco più di un quarto della quantità prevista nel primo trimestre, ossia fino alla fine di marzo come stabilito da accordi. Pfizer ha intanto fatto sapere che i ritardi di queste settimane verranno bilanciati dal ritmo delle prossime che, a detta loro, tornerà regolare.

Oltre ai dettagli sulla diffida, emergono anche quelli sulla stipula del contratto avvenuta a novembre tra la Commissione europea e Pfizer-BionTech, e quelle inserite nelle due lettere d’ordine firmate da Domenico Arcuri. Per la nascita del vaccino anti Covid, e la successiva distribuzione, la casa farmaceutica ha voluto che nel contratto venissero inserite formule per «garantirsi il più possibile da reclami in caso di mancato rispetto del cronoprogramma».

In merito a reazioni avverse alla somministrazione, la società si dichiara non responsabile per eventuali richieste di risarcimenti e indennizzi: per i normali vaccini difficilmente si arriva alla firma di clausole di questo tipo. E a pagare, nel caso, sarà lo Stato italiano.

TORNA ALLA HOME E VISITA LA PAGINA FACEBOOK