Covid, 54enne positivo al Covid dopo 40 giorni in ospedale: in coma, rischia la vita

Covid, 54enne positivo al Covid dopo 40 giorni in ospedale: in coma, rischia la vita

L’uomo era stato ricoverato per un problema alla schiena: risultato positivo, le sue condizioni sono peggiorate dopo una settimana


SASSARI – Un uomo di 54 anni è risultato positivo al Covid dopo che, lo scorso 20 dicembre, è stato ricoverato presso l’ospedale di Sassari a causa di un problema alla spina dorsale. Trascorsi quasi 40 giorni di degenza ospedaliera, è stata riscontrata la sua positività, rendendo necessario il trasferimento nel reparto specifico. Inizialmente, non presentava particolari sintomi ma la situazione è peggiorata dopo una settimana: attualmente il 54enne è in coma, in pericolo di vita.

I fatti sono stati riportati da “L’Unione Sarda”, attraverso un’intervista alla compagna della persona contagiata. La donna gli è stata accanto dall’inizio del ricovero fino alla diagnosi di Coronavirus; ora, cerca di stargli accanto anche in questa fase complicata. “Una situazione assurda mi chiedo come sia stato possibile” – ha affermato quasi tra le lacrime. – “Dall’ospedale mi telefonano ogni pomeriggio per aggiornarmi sulle condizioni sanitarie del mio compagno. Qualche giorno fa mi hanno avvisato del trasferimento nel reparto rianimazione. Lo avevo immaginato, purtroppo: non mi rispondeva più al telefono”.

Secondo quanto sostenuto dall’ospedale, il 54enne è al momento in condizioni stabili ma risulta ancora grave.

L’uomo era stato ricoverato il 20 dicembre per problemi alla schiena dei quali soffre da tempo. La settimana successiva, il 29 dicembre, è stato trasferito nel reparto lunga degenza in un ospedale a poche centinaia di metri da quello nel quale si era inizialmente recato. Si era sottoposto a diversi tamponi di routine, sempre negativi. Dopo quasi 40 giorni dall’entrata in ospedale, risulta invece positivo. Prontamente, viene stato trasferito al reparto Covid e pareva stare bene: parlava al cellulare ed era sveglio. Poi l’aggravamento delle condizioni ne ha determinato il coma farmacologico.