Disoccupazione, 100.000 lavoratori in meno a dicembre: 99.000 sono donne

Disoccupazione, 100.000 lavoratori in meno a dicembre: 99.000 sono donne

Il tasso di disoccupazione è salito al 9,0%: particolarmente colpiti dalla crisi anche i lavoratori autonomi


ITALIA – La crisi colpisce sempre più duramente la categoria femminile: secondo l’Istat, il mese scorso gli occupati sono diminuiti di 101.000 unità: 99.000 sono donne e appena 2.000 uomini.

Nei dodici mesi, il saldo negativo di 444.000 unità è composto da 312.000 donne e 132.000 uomini.

Il tasso di disoccupazione è salito al 9,0% (+0,2 punti) a dicembre. La diminuzione dell’occupazione (-0,4% rispetto a novembre) coinvolge oltre alle donne, i dipendenti e autonomi e caratterizza tutte le classi d’età, con l’unica eccezione degli ultracinquantenni che mostrano una crescita.

I lavoratori autonomi sono diminuiti il mese scorso di 79.000 unità (80%), i dipendenti di 23.000 unità.

Nell’arco dell’anno gli indipendenti sono scesi di 209.000 unità. Tra i lavoratori dipendenti a pagare il conto sono solo i lavoratori a termine che scendono di 393.000 unità, a fronte di un aumento di 158.000 unità di quelli permanenti grazie al blocco dei licenziamenti.

Se il blocco non verrà prorogato – avverte la Cgil – saremo allora di fronte “a una vera e propria bomba sociale”. “Donne, giovani, lavoratori autonomi hanno già pagato un prezzo altissimo, destinato a salire qualora non si mettano in campo strumenti straordinari e innovativi per governare la fase di transizione che verrà determinata dall’onda lunga della crisi”.

TORNA ALLA HOME E VISITA LA PAGINA FACEBOOK