Manfredi, indagini della Procura di Roma: ipotesi fuga di gas. Sequestrati casa e caldaia

Manfredi, indagini della Procura di Roma: ipotesi fuga di gas. Sequestrati casa e caldaia

L’archeologo e scrittore è stato trovato privo di sensi con Antonella Prenner in un appartamento a Trastevere ieri pomeriggio


ROMA – Sono stazionarie le condizioni dello scrittore Valerio Massimo Manfredi, ricoverato in prognosi riservata, all’ospedale di Grosseto. Manfredi è stato trasferito ieri sera da Roma, dopo aver subito un’intossicazione da monossido di carbonio.  La scrittice Antonella Prenner, rimasta inossicata con Manfredi, è invece ricoverata al Policlinico Umberto I di Roma.

L’archeologo e scrittore è stato trovato privo di sensi con Antonella Prenner in un appartamento a Trastevere ieri pomeriggio. A dare l’allarme è stata la figlia dello scrittore. Intanto la Procura di Roma attende una prima informativa dalle forze dell’ordine per procedere con l’apertura di un fascicolo di indagine. La pista più accreditata è quella della fuga di monossido di carbonio da una caldaia. Al momento l’appartamento accanto a quello dello scrittore, in via dei Vascellari, è stato posto sotto sequestro dai vigili del fuoco intervenuti: è stata sequestrata anche la caldaia dell’appartamento.Sulla vicenda indagano anche gli investigatori del commissariato Trastevere.