Medici under55 rifiutano il vaccino AstraZeneca: “Non adatto al rischio professionale”

Medici under55 rifiutano il vaccino AstraZeneca: “Non adatto al rischio professionale”

Al via in Italia le somministrazioni di questo siero, che il ministero raccomanda solo alla fascia 18-55 anni in buona salute


ROMA – “Ci risulta che alcuni medici liberi professionisti under55 hanno comunicato alle Asl che non si vaccineranno con Astrazeneca perchè ritengono che non sia confacente al loro rischio professionale”. A dirlo all’ANSA il presidente dell’Ordine dei medici di Roma Antonio Magi.

“Pur condividendo che rispetto a questa categoria sia di maggior copertura il Pfizer, come Ordine abbiamo fatto in modo tale che i liberi professionisti venissero censiti per essere vaccinati. Abbiamo raccolto 13mila adesioni e trasmesso di dati alla Regione che li ha inviati alle Asl”.

 AstraZeneca prevede di produrre questo mese oltre 100 milioni di dosi del suo vaccino sviluppato insieme all’Università di Oxford e di arrivare a produrre oltre 200 milioni di dosi al mese antro aprile: lo ha detto l’amministratore delegato della società, Pascal Soriot. Lo riporta il Guardian.

Al via in Italia le somministrazioni di questo siero, che il ministero raccomanda solo alla fascia 18-55 anni in buona salute. Intanto, il gruppo chiude i conti 2020 con un utile netto più che raddoppiato a 3,2 miliardi di dollari e vendite in crescita del 9% a 26,6 miliardi.