Napoli, 13enne pestato con un tirapugni da un gruppo di coetanei: presi i 7 colpevoli

Napoli, 13enne pestato con un tirapugni da un gruppo di coetanei: presi i 7 colpevoli

Era stato punito per aver sorriso quando aveva sentito pronunciare in modo errato il cognome di uno dei presenti, durante una partita di calcio


PIANURA – Il 13enne era stato picchiato da un gruppo di ragazzini nel quartiere napoletano di Pianura, era stato punito per aver sorriso quando aveva sentito pronunciare in modo errato il cognome di un suo coetaneo durante una partita di calcio. Un sorriso ingenuo che era stato interpretato come un affronto e che avrebbe portato al primo pestaggio, una settimana fa.

Risale invece a due giorni fa il secondo pestaggio, nei pressi della scuola Ferdinando Russo, dove sembra che il gruppo avesse incontrato il 13enne casualmente. Erano in 7 contro uno quando si sono scagliati contro il ragazzino, colpendolo con calci, pugni e perfino con un tirapugni di ferro, arrivando addirittura a mandarlo in ospedale con diversi traumi e una sospetta lesione della milza.

I sette componenti del gruppo sono stati segnalati alle forze dell’ordine: tutti avevano tra i 13 e i 14 anni, vivevano nello stesso quartiere e  conoscevano già la vittima. Uno di questi era imparentato con un pregiudicato appartenente ad uno dei clan storici del posto, era stato proprio lui a minacciare il 13enne con un coltello quando è avvenuta la prima aggressione e a colpirlo con il tirapugni la seconda volta. Una volta identificati dai carabinieri, i 7 aggressori si sono mostrati pentiti per quanto accaduto.