Napoli, all’Ospedale del Mare arriva la stanza dove pazienti e parenti si abbracciano con gli occhi

Napoli, all’Ospedale del Mare arriva la stanza dove pazienti e parenti si abbracciano con gli occhi

Il progetto è stato fortemente voluto dal responsabile del reparto Covid, Giuseppe Noschese e dalla dottoressa Carolina Bologna e realizzato assieme ai coordinatori Fabio Basco e Florinda Carcarino


NAPOLI – Un viaggio bellissimo che inizia all’ospedale del Mare e finisce in una stanza dedicata a chi è in isolamento Covid, ma finalmente può incrociare nuovamente lo sguardo con le persone amate. Occhi negli occhi e la speranza che si riaccende. Si potrebbe definire semplicemente una stanza degli sguardi d’amore.

Il progetto, modificato in fieri e trasformato in stanza degli sguardi d’amore, è stato fortemente voluto dal responsabile del reparto Covid, Giuseppe Noschese e della dottoressa Carolina Bologna con l’aiuto del coordinatore infermieristico Fabio Basco, dalla coordinatrice del reparto infermieristica Florinda Carcarino.

Un angolo dedicato alla riconciliazione, anche se dietro a un vetro, che dà speranza a chi lotta. In questa serie di splendidi scatti sono immortalati marito e moglie che si riabbracciano con gli occhi, madre e figlio che si guardano in tutta la loro felicità. Momenti di emozione che non sono passati inosservati al personale sanitario dell’ospedale che ha deciso di non perdere l’occasione di raccontare, tramite queste immagini ricche di emozioni, momenti davvero magici.