Napoli, la protesta dei conducenti degli scuolabus: “De Luca hai fallito”

Napoli, la protesta dei conducenti degli scuolabus: “De Luca hai fallito”

Cresce la preoccupazione tra gli autisti per il possibile nuovo stop scuola


NAPOLI – ”Ora che finalmente hanno riaperto le scuole si dice che aumentano i contagi ma evidentemente chi doveva non ha fatto tutto il necessario. De Luca sarà pure Superman ma ha fallito rispetto alle attività da mettere in campo in ambito sanitario e a tutela del trasporto pubblico e in particolare scolastico e i danni li stiamo pagando noi, i bambini che non vanno a scuola, le famiglie che hanno difficoltà nel gestirli a casa”.

A parlare è Carlo Di Dato, presidente di Assodiritti e portavoce dei conducenti degli scuolabus della città di Napoli che non lavorano da marzo 2020 in virtù della chiusura delle scuole causa covid. Oggi gli operatori sono tornati in piazza a manifestare tutta la loro rabbia e delusione. Davanti allo stadio Maradona sono stati schierati 87 dei 148 pulmini che effettuano il servizio in città. Operatori che avevano appena ripreso le attività con la riapertura delle scuole che ora temono un nuovo stop a seguito delle parole espresse ieri dal presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, che ha parlato di un aumento dei contagi imputato al mondo della scuola e alla movida. ”Ogni volta che si riprende l’attività – ha sottolineato Di Dato – significa indebitarci perché dobbiamo riattivare le assicurazioni, pagare le autorimesse, effettuare le verifiche sui mezzi e sottoporci a nostre spese a tamponi per garantire la sicurezza dei bambini che trasportiamo”. Attività per le quali – come riferito – è necessaria una spesa di circa 3mila euro a fronte di guadagni pari allo zero. Il servizio di trasporto scolastico a Napoli infatti non è effettuato attraverso società di trasporto ma gli operatori, previa autorizzazione del Comune, vivono grazie alle rette che pagano le singole famiglie e dunque niente scuole-niente rette. Operatori che in virtù di questa tipicità non hanno avuto accesso ai risarcimenti che il Governo ha previsto per il trasporto scolastico. Niente aiuti nemmeno dalla Regione Campania: ”Ormai dall’inizio della pandemia è trascorso un anno – evidenziano gli operatori – è da parte della Regione non è stato fatto nulla per garantire sicurezza al mondo della scuola e a tutto ciò che ruota attorno ad esso”.