Napoli, rapina al rider Gianni: i due maggiorenni del ‘branco’ restano in cella

Napoli, rapina al rider Gianni: i due maggiorenni del ‘branco’ restano in cella

Questa la decisione del giudice nei confronti di Vincenzo Zimbetti e Michele Spinelli


NAPOLI – Restano in carcere Vincenzo Zimbetti e Michele Spinelli, due degli autori della rapina al rider Gianni commessa nella notte tra l’1 e 2 gennaio scorsi. Per i due, rispettivamente di 21 e 19 anni ed entrambi di Secondigliano, il giudice ha rigettato la richiesta di scarcerazione.

A nulla è valsa quindi l’azione dei legali di fiducia dei due giovanissimi i quali,  mediante una lettera fatta arrivare alla vittima della rapina, avevano chiesto scusa per quanto fatto. Successe a calata Capodichino. Gianni, durante una consegna, venne accerchiato da alcuni ragazzi che lo colpirono diverse volte sottraendogli lo scooter utilizzato per il lavoro.

Il fatto ebbe un grande clamore mediatico al punto tale che lo scooter venne ritrovato poco dopo e la vittima riuscì a trovare un posto di lavoro stabile al termine di una lunga catena di solidarietà. Alcuni degli aggressori sono minorenni. L’accusa è quella di rapina aggravata dall’azione crudele nei confronti di un’unica persona.