Operatore del 118 morto di Covid: era ricoverato in ospedale da un mese

Operatore del 118 morto di Covid: era ricoverato in ospedale da un mese

Le sue condizioni di salute si sono in breve tempo aggravate, fino a rendere necessario il ricovero in ospedale


ROMA – Lutto tra gli operatori del 118 per la scomparsa di Amedeo Mariozzi, morto di Covid all’età di 62 anni. Aveva contratto il virus, manifestando i sintomi, le sue condizioni di salute si sono in breve tempo aggravate, fino a rendere necessario il ricovero in ospedale, nel reparto di terapia intensiva. Il decesso, come riportato da Fanpage,  è sopraggiunto nella mattinata di ieri, martedì 16 febbraio, a pochi passi dal traguardo della pensione, dopo un mese di permanenza al Policlinico romano di Tor Vergata. Amedeo lascia sua moglie e due figli. La sua è l’ennesima scomparsa per coronavirus tra i soccorritori, tra medici, infermieri e operatori sanitari, che lavorano quotidianamente a servizio del prossimo, in prima linea nella battaglia contro il virus. Appresa la notizia della sua drammatica scomparsa, amici e conoscenti si cono stretti intorno al dolore della sua famiglia, ricordandolo affettuosamente, specialmente i colleghi della Postazione 118 di Frattocchie.