Pitbull con le orecchie tagliate e detenuto in un box angusto: nei guai il proprietario

Pitbull con le orecchie tagliate e detenuto in un box angusto: nei guai il proprietario

Aveva entrambe le orecchie amputate ed era privo di microchip e di iscrizione all’anagrafe canina. Da accertare anche l’eventuale utilizzo in combattimenti


MARIGLIANO – I militari della stazione carabinieri forestale di Marigliano al comando del maresciallo Alessandro Cavallo e le guardie zoofile e venatorie della Lipu, guidate dal cav. Giuseppe Salzano, loro coordinatore regionale, durante specifici controlli dediti alla repressione dei reati effettuati nei confronti degli animali, rinvenivano, nella disponibilità di un cinquantenne,  un cane pitbull con entrambe le orecchie amputate e privo di microchip e di iscrizione all’anagrafe canina, e detenuto in un box angusto ed in precarie condizioni.

L’uomo che lo deteneva è stato denunciato per il reato di maltrattamento agli animali ed il cane è stato posto sotto sequestro giudiziario ed a lui affidato in custodia.

“Il taglio delle orecchie – conchectomia bilaterale – su di un pitbull e la circostanza che il cane sia anche privo di microchip e non iscritto all’anagrafe canina, ci lascia il fondato sospetto che lo stesso possa essere adoperato nei combattimenti – afferma Fabio Procaccini, delegato provinciale della Lipu – il decesso del cane soccombente non lascerebbe alcuna traccia”.

Si attende la convalida del sequestro da parte della procura della repubblica che potrebbe anche provvedere ad una diversa destinazione del cane.