Sindrome Mis-c provocata dal Covid: bimbo di 11 anni in ospedale, è grave

Sindrome Mis-c provocata dal Covid: bimbo di 11 anni in ospedale, è grave

La “sindrome Mis-c”, patologia che provoca infiammazioni acute a molteplici organi, con possibili gravi danni al sistema cardio-respiratorio


ITALIA – Un ragazzo di 11 anni è attualmente ricoverato presso il reparto di pediatria di Padova, affetto dalla sindrome Mis-c, provocata dal Covid-19. Non risulta in pericolo di vita. Il contagio, originario di San Donà, era risultato positivo asintomatico, lo scorso gennaio, assieme a tutta la famiglia. Dopo circa 4 settimane, si sono verificate delle complicazioni, peggiorando le sue condizioni di salute: sono subentrati, infatti, febbre molto alta e problemi respiratori gravi. Ricoverato in pediatria a San Donà di Piave, i medici gli hanno riscontrato la sindrome infiammatoria, scatenata dal Covid-19.

Come riporta “Fanpage.it”, il ragazzino di 11 anni è risultato negativizzato al Covid ma i medici hanno confermato la diagnosi di “sindrome Mis-c”, patologia che provoca infiammazioni acute a molteplici organi, con possibili gravi danni al sistema cardio-respiratorio; attualmente, è sotto osservazione in Veneto. “Mentre si sta confermando la diminuzione dei contagi – ha commentato il commissario dell’azienda territoriale del Veneto Orientale, Carlo Bramezza – dall’altra c’è questa situazione che riguarda i bambini e che ci sta preoccupando. Speriamo si tratti di un caso isolato e che non se ne registrino degli altri”.

Il dottor Roberto Vettor, direttore dell’unità operativa di clinica 3 del Policlinico Universitario di Padova e Anna Maria Cattelan, direttrice dell’unità operativa malattie infettive e tropicali: “Anche in pazienti pediatrici, specie di età inferiore ad 1 anno, è stata riportata una sindrome infiammatoria postinfettiva definita sindrome infiammatoria multisistemica (multi-system inflammatory syndrome, MIS-C) come rara complicanza dell’infezione da SARS-CoV-2. Essa ha caratteristiche simili a quelle della malattia di Kawasaki o alla sindrome da shock tossico. I bambini con MIS-C più comunemente presentano febbre, tachicardia e sintomi gastrointestinali con segni di infiammazione sistemica. Dati recenti dimostrano che anche i pazienti pediatrici, parallelamente a quanto visto nella popolazione adulta, se presentano comorbosità preesitenti come asma, malattie polmonari croniche, disturbi cardiovascolari, emoglobinopatie, possono avere maggiori probabilità di soffrire di COVID grave o addirittura fatale”.

FONTE FANPAGE.IT