Tragedia in casa: bimbo di 4 anni ingoia una puntina da disegno e muore

Tragedia in casa: bimbo di 4 anni ingoia una puntina da disegno e muore

“I medici hanno detto di non sperare, ma lo abbiamo fatto lo stesso”, ha detto la mamma del piccolo


USA – Tragedia insopportabile per una mamma devastata dal dolore. La donna sta avvertendo altri genitori che “studiano o lavorano a casa” di rimanere vigili dopo che suo figlio di quattro anni ha perso la vita inalando una puntina da disegno. Ayla Rutherford si stava facendo la doccia il mese scorso quando ha sentito gli membri della famiglia urlare al piano di sotto nella loro casa di Graham, nello stato USA di Washington. Si è precipitata giù per trovare suo marito Josh, 29 anni, che eseguiva la manovra di Heimlich sul loro bambino, Axel, senza alcuna idea di cosa gli fosse successo. Nonostante gli sforzi – come riportato da fanpeg.it – il piccolo ha perso conoscenza e ha iniziato a diventare cianotico ed è stato costretto a ricovero in ospedale.

“I medici ci hanno detto che, poiché è stato senza ossigeno per così tanto tempo ed è andato in arresto cardiaco cinque volte, non sarebbe tornato come prima” ha detto la madre, 29 anni, a Metro.co.uk. “Ci hanno detto di non sperare, ma lo abbiamo fatto lo stesso” ammette la donna. Axel è rimasto in ospedale per tre giorni ma non è riuscito a riprendersi. Ai suoi genitori è stato detto che i medici avrebbero fatto elettroencefalografia, un test per decretare la morte cerebrale dl bambino che richiedeva due scansioni, a 12 ore di distanza. Ayla dice che suo figlio “ha cercato di prendere fiato” dopo che il supporto vitale al quale era collegato è stato disattivato, e dopo aver visto la sua pupilla contrarsi leggermente, il medico non è stato in grado di confermare che fosse cerebralmente morto. La coppia ha dovuto ripetere il calvario, con l’intera famiglia che si è presentata per un secondo test intorno a mezzanotte del giorno successivo.

Ayla ha detto: “Stavamo pregando molto intensamente. Ho pensato: ‘per favore, non prendere il mio bambino. Non portarlo via da me'”. Ma la coppia ha ricevuto la devastante notizia che il loro secondogenito non sarebbe sopravvissuto. I medici hanno dichiarato la morte cerebrale di Axel poco dopo le 13.30 del 17 gennaio. La famiglia ha celebrato una cerimonia commemorativa e lo ha cremato sabato 6 febbraio. Ayla e Josh hanno quindi dovuto dare la notizia sconvolgente a Soren, sei anni, che aveva appena festeggiato il suo compleanno senza suo fratello. Sua madre affranta ha detto: “Quel giorno siamo tornati a casa, io e suo padre lo abbiamo fatto sedere e gli abbiamo detto che Axel era morto. Abbiamo preferito usare parole vere. Non gli dici che se n’è andato. Gli dici che è morto. Usi parole vere, anche se fanno male. Abbiamo dovuto spiegare che è con Gesù e non è più malato, ma non sarebbe più tornato a casa. Ha pianto per cinque minuti poi ha detto: ‘Voglio andare a guardare la TV'”. Ha bisogni speciali e non capiva davvero. Oggi stavamo facendo scuola a casa e mi ha chiesto quando sarebbe tornato a casa”.