Uccisa a coltellate dall’ex, rivelazioni choc: “Si era già pagata il funerale, sentiva sarebbe finita così”

Uccisa a coltellate dall’ex, rivelazioni choc: “Si era già pagata il funerale, sentiva sarebbe finita così”

Un racconto che ha dell’incredibile quello riportato dal commesso di Clara


GENOVA – Risaliva allo scorso 19 febbraio il tragico episodio secondo il quale, a Genova, Clara Ceccarelli, 69enne del posto,  era stata uccisa proprio fuori al suo negozio situato in via Colombo, in pieno centro città. La donna era stata colpita con ben trenta coltellate che l’avevano raggiunta al collo e all’addome, ferendola mortalmente. Sul posto, erano subito  intervenuti i paramedici del 118, ma al loro arrivo non avevano potuto far altro che costatarne il decesso. Il responsabile dell’atto disumano è stato il suo ex compagno.

Ebbene a poco meno 48 ore dal terribile episodio emergono particolari scioccanti in merito al rapporto di Clara con l’uomo che le ha tolto la vita; due settimane prima dell’omicidio, infatti, la donna sarebbe andata a pagarsi il funerale. “Non voleva gravare sul padre anziano e sul figlio. Aveva capito cosa sarebbe successo” ha raccontato il commesso brasiliano che lavorava per la Ceccarelli in modo saltuario.

“Sapevo tutto e lei mi diceva sempre di non farcela più – ha ricordato poi Herbert, il braccio destro di Clara da quando quell’ex compagno aveva smesso di lavorare per lei -. Lui passava davanti al locale tutti i giorni. Quando c’ero io, non entrava ma ieri purtroppo l’ha trovata da sola e ne ha approfittato. Qualche giorno prima Clara mi aveva raccontato di aver fatto strani sogni e di essere andata a pagarsi il funerale”.

Un racconto che ha dell’incredibile quello del commesso a Fanpage: “Era ossessionato da lei, la perseguitava, ma davanti a me non l’ha mai colpita”. In base alle testimonianze raccolta era dunque quasi un anno che Clara era vittima di questi comportamenti da parte dell’ex, ossia dalla fine della loro relazione. A suo carico però non risulterebbero denunce secondo il procuratore capo di Genova Francesco Cozzi. Il pubblico ministero Giovanni Arena ha disposto la perizia psichiatrica sull’assassino. Seguiranno aggiornamenti.