Uccisa a coltellate in strada, la madre del fidanzato: “L’ex le aveva detto che l’avrebbe ammazzata”

Uccisa a coltellate in strada, la madre del fidanzato: “L’ex le aveva detto che l’avrebbe ammazzata”

Il presunto omicida è un 29enne originario della provincia di Napoli, dimesso dall’ospedale psichiatrico di Aversa


LECCE – Sonia Di Maggio, 29 anni, è morta dissanguata in seguito ad un’aggressione a coltellate in strada. La donna è stata colpita al collo e per lei non c’è stato nulla da fare.

La vittima, 29enne originaria di Rimini ma residente da qualche anno in provincia di Lecce, è stata ridotta in fin di vita in strada nei pressi di via Pascoli. Purtroppo, vano è risultato l’intervento dei paramedici del 118, Sonia è deceduta per le ferite procurate da una coltellata al collo.

A colpirla mortalmente sarebbe stato l’ex compagno, anch’egli 29enne ma originario della provincia di Napoli che sarebbe giunto poche ore prima nella regione pugliese.

“So che li aveva minacciati, che li ha presi alle spalle. Mio figlio mi ha chiamata per dirmi che Sonia sanguinava, pensavo scherzasse”: sono le parole di Maria Teresa, la madre di F.D, 29 anni, carpentiere e attuale fidanzato di Sonia Di Maggio.

L’aggressione

Come racconta Lecceprima, Sonia era prima uscita poco con la madre del fidanzato, per alcune compere, ma, rientrati a casa, si erano accorti che mancava ancora qualcosa. A quel punto, la ragazza è uscita di nuovo, con il nuovo compagno, ma è successo l’irreparabile. Erano circa le 19. L’aggressore pare sia arrivato da dietro, che abbia attaccato alle spalle. Ad aver la peggio è stata Sonia.

Aggressore dimesso da ospedale psichiatrico

L’uomo era stato dimesso dall’ospedale psichiatrico di Aversa lo scorso giugno, ed era senza fissa dimora. In passato aveva avuto una relazione con la vittima, le loro foto da innamorati sono tra i ricordi della ragazza, sui profili social. Nel 2011 S.C. aveva accoltellato un parcheggiatore abusivo con cui lavorava a Torre Annunziata ed era stato arrestato.