Covid a Napoli, niente file d’ambulanza fuori al Cotugno: “I più colpiti sono i giovani”

Covid a Napoli, niente file d’ambulanza fuori al Cotugno: “I più colpiti sono i giovani”

“Abbiamo un sistema a fisarmonica che ci permette di aumentare i posti letto se serve”, ha dichiarato Muarizio Di Mauro, direttore generale dell’azienda ospedaliera dei Colli a Napoli e quindi Cotugno


NAPOLI – Muarizio Di Mauro, direttore generale dell’azienda ospedaliera dei Colli a Napoli e quindi Cotugno, ha spiegato la gestione dell’ospedale infettivologico pieno di pazienti ma che riesce a gestire l’afflusso: “Non abbiamo file di ambulanze – dice all’Ansa – in attesa e abbiamo un sistema a fisarmonica che ci permette di aumentare i posti letto se serve”.

Per quanto riguarda la situazione Covid ha dichiarato: “Abbiamo una situazione stabile sul covid, con alternanza di turn over e ricoveri, riusciamo a gestirla anche perché ora arrivano pazienti più gravi, non c’è più qualcuno che va in ospedale con una tosse un po’ più grave del solito. Riusciamo a gestire i pazienti e guardiamo con fiducia alla vaccinazione che si amplia”.

RICOVERI E DIMISSIONI

La strategia quotidiana sulle dimissioni e nuovi ricoveri è chiara: “Prima di tutto oggi chi viene al pronto soccorso – spiega Di Mauro – sta veramente male, noi calcoliamo l’intensità della polmonite da 0 a 20 e ora arrivano pazienti che sono almeno al livello 12, prima venivano al minimo sintomo. Su questo anche la gestione territoriale con le Usca e la medicina di base è migliorata, c’è un grande gioco di squadra tra ospedali e territorio. È chiaro che stiamo vivendo una fase importante del virus, ci aspettavamo che arrivasse una fase più calde epidemiologicamente e ora ci auguriamo e aspettiamo un abbassamento del numero contagi: c’è la vaccinazione e speriamo che arrivino vaccini in maniera congrua, ci sono provvedimenti restrittivi presi e mantenuti. Questo però non significa abbassare la guardia ci aspetta una Pasqua di sofferenza”.

I GIOVANI I PIU’ COLPITI