Covid in Campania, il sindaco non perde tempo: tutto il Comune in lockdown

Covid in Campania, il sindaco non perde tempo: tutto il Comune in lockdown

La decisione del primo cittadino è scaturita a seguito del monito dall’Asl ricevuto nella giornata di ieri


ROCCAMONFINA (CE) – Risaliva a ieri la notizia del rischio zona rossa per ben 30 comuni casertani, che erano stati posti “sotto osservazione” da parte dell’Asl che aveva chiesto un rafforzamento delle misure anti-contagio: per la maggior parte di questi ultimi, in particolare, era stata chiesta la zona rossa, per un paio invece quella arancione rafforzata.

Ebbene a meno di 24 ore dal monito dell’Asl un sindaco di uno dei comuni inseriti nella lista ha deciso di non attendere eventuali decisioni dall’alto, ma di agire direttamente per contenere quanto più possibile il rischio di nuovi ulteriori contagi. E’ il caso di Carlo Montefusco, sindaco di Roccamonfina, che ha firmato una nuova ordinanza secondo la quale il territorio comunale sarà praticamente posto in lockdown.

“Saranno sospese fino al 7 marzo 2021 tutte le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità. Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie, le parafarmacie. Stop anche a tutte le attività di ristorazione. E’ consentita solo l’asporto dopo le 19 e 30.Si fermano anche le le attività inerenti i servizi alla persona (fra cui parrucchieri, barbieri, estetisti) mentre restano aperte le seguenti attività: lavanderia e pulitura di articoli tessili e pelliccia, lavanderie industriali e altre lavanderie, tintorie, servizi di pompe funebri e attività connesse. Le attività commerciali di vendita al dettaglio svolgeranno la propria attività dal lunedì al sabato dalle 8 alle 19, fatta eccezione delle farmacie e delle parafarmacie, che svolgeranno i normali turni di apertura”.

Questo il testo del documento diffuso ieri dall’Asl di Caserta: “Misure di contenimento generalizzate su base DPCM – Chiusura esercizi non essenziali o riduzione oraria, sospensione attività scolastica in presenza. Visto l’andamento epidemiologico relativo alla settimana 22-28/02/2021, considerata l’evoluzione degli Indicatori Regionali, si richiede alle SS.LL., ognuna per le proprie competenze territoriali, di attivarsi per le dovute comunicazioni con i Sindaci di afferenza, tanto al fine di porre in essere gli adempimenti previsti dalle recenti disposizioni normative, sintetizzate in oggetto”.