Covid, spostamenti di Pasqua verso le seconde case: i provvedimenti

Covid, spostamenti di Pasqua verso le seconde case: i provvedimenti

Diverse le Regioni che hanno adottato restrizioni marcate per evitare arrivi di massa


ITALIA – Tutta l’Italia in zona rossa dal 3 al 5 aprile. Eppure le Regioni sono preoccupate dall’esodo che si potrebbe verificare verso le seconde case. In tante quelle che hanno introdotto ulteriori strette agli arrivi da ‘fuori’.

La Sardegna, ad esempio, da domani nuovamente in zona arancione, ha disposto il divieto di entrare in regione fino al 6 aprile da parte di persone non residenti nell’Isola se non esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute.

In Toscana stop ad arrivi senza la residenza: anche qui consentiti gli spostamenti da altre Regioni solo per motivi di salute, lavoro o situazioni di necessità. La Sicilia ha disposto invece il tampone per chi arriva o, in alternativa, quarantena fiduciaria per due settimane.

Blindate Valle d’Aosta e la provincia autonoma di Bolzano, chiuse cioè ai non residenti, mentre in Campania De Luca ha chiesto ai sindaci maggiori restrizioni per evitare gli spostamenti.