De Luca: “140mila vaccinati in Campania con AstraZeneca e tutto tranquillo”

De Luca: “140mila vaccinati in Campania con AstraZeneca e tutto tranquillo”

“Se non avessimo avuto l’interruzione su AstraZeneca avremmo completato la seconda dose anche per il 50 per cento di tale personale”, ha dichiarato il governatore


CAMPANIA – “So che c’è un elemento ancora di preoccupazione su AstraZeneca, ma dobbiamo procedere usando la regione. AstraZeneca non interviene sulla catena genetica, non succede assolutamente niente. Andiamo a vaccinarci con grande tranquillità e con grande serenità perché, oltre che i milioni di cittadini che si sono già vaccinati con Astrazeneca in altre parti del mondo, da noi in Campania abbiamo fatto 140mila somministrazioni e tutto è assolutamente tranquillo”. Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca nel corso di una diretta Facebook. “Vi invito ad andare rapidamente a vaccinarvi, a cominciare da oggi pomeriggio”, ha aggiunto De Luca.

LA SITUAZIONE IN CAMPANIA

De Luca ha così parlato della situazione attuale in Campania: “La situazione oggi è delicata . Nella settimana da 1° al 7 marzo l’indice Rt regionale era dell’1,5, nella settimana dall’8 al 14 marzo è dell’1,65. Dobbiamo stare attenti  perché siamo la regione più a rischio, perché abbiamo la maggiore densità abitativa d’Europa, oltre che d’Italia. Quindi la facilità di trasmissione del contagio, soprattutto delle ultime varianti, è grande, e non possiamo scherzare o sottovalutare. Quello che dobbiamo decidere, dobbiamo deciderlo, perché il primo valore è la vita da difendere”.

VACCINAZIOE PER GLI ADOLESCENTI

Riguardo la riapertura scuole è necessario vaccinare i ragazzi, come sostenuto dal governatore che a tal riguardo ha dichiarato: “Abbiamo fatto una verifica sulla possibilità di vaccinare i ragazzi sopra i 16 anni, perché questo avrebbe consentito di aprire le scuole. L’unico vaccino che si può somministrare è Pfizer, che però per le dosi limitate che abbiamo deve essere utilizzato per personale sanitario e pazienti fragili, cioè a cui dobbiamo salvare la vita. Quando dovesse essere disponibile un vaccino anche per i ragazzi, noi daremo priorità alla vaccinazione su tutto il mondo della scuola, docenti, non docenti e alunni”. Ha continuato: “Capiamo benissimo che le scuole chiuse sono un problema. A volte diventa obbligatorio prendere un tipo di decisione, ma siamo pienamente consapevoli che è un problema per le famiglie e per i ragazzi. Faremo di tutto per aprire quanto prima possibile, ma in condizioni di sicurezza. Abbiamo oggi anche in Campania qualche ragazzo che è in terapia intensiva, 16 o 18 anni, bisogna capire che parliamo di situazioni delicate”.

RIAPERTURA SCUOLE 

“Al momento non possiamo riaprire, abbiamo anche qualche ragazzo ricoverato in terapia intensiva, siamo in una situazione delicata, e abbiamo il dovere di garantire la vita per chi insegna e per i ragazzi, prima di ogni altra cosa”, ha dichiarato De Luca

LA CAMPAGNA VACCINALE

Riguardo la campagna vaccinale ha dichiarato: “Abbiamo vaccinato con la prima dose 633.000 nostri concittadini, già questo è un traguardo. Abbiamo coperto con la seconda dose tutto il personale medico sanitario. Per quanto riguarda gli over 80 abbiamo coperto con la prima dose 122.000 persone, mentre 63.000 over 80 hanno ricevuto anche la seconda. Nel mondo della scuola hanno avuto la prima dose quasi tutti gli occupati del personale scolastico, e se non avessimo avuto l’interruzione su AstraZeneca avremmo completato la seconda dose anche per il 50 per cento di tale personale”.