L’ennesimo femminicidio a Napoli, Azzurro Donna Campania: “Ora basta, servono i fatti”

L’ennesimo femminicidio a Napoli, Azzurro Donna Campania: “Ora basta, servono i fatti”

Ci stringiamo tutte noi di Azzurro donna Campania, intorno alla famiglia di Ornella e al piccolo figlioletto


Agghiaccianti i particolari emersi sull’omicidio di Ornella Pinto, donna uccisa dal marito a Napoli è il quattordicesimo femminicidio dall’inizio dell’anno nel nostro paese.

Servono i fatti. Ha confessato l’omicidio della moglie, Ornella Pinto 39 anni, Alla presenza del suo avvocato, il marito della donna Pinotto Iacomini, 43 anni,si è costituito nelle prime ore dell’alba dopo aver commesso l’efferato omicidio.

L’uomo ha viaggiato tutta la notte si è presentato nella caserma di Montegabbione in provincia di Terni,confessando l’omicidio della moglie, ora è nel carcere Ternano dopo la convalida del fermo.

Lei Ornella Pinto lottava tra la vita e la morte all’ospedale Cardarelli di Napoli. Si è spenta intorno alle 10:00

Troppo grave le ferite causate dalle 12 coltellate inferte senza pietà dal marito all’ interno della loro abitazione in via Arenaccia a Napoli, dove viveva con il figlioletto le hanno trafitto i polmoni, Ornella si è spenta il giorno successivo, lasciando un bimbo di appena 4 anni.

L’aggressione è avvenuta intorno alle 4:30, Ornella esanime ha fatto appena in tempo ad avvisare la sorella, la quale ha chiamato il 118, all’arrivo dei sanitari Ornella era in una pozza di sangue.

Le donne in questa pandemia stanno pagando un prezzo altissimo sulla loro pelle. Facili prede di uomini senza dignità e pietà.

Ci stringiamo tutte noi di Azzurro donna Campania, intorno alla famiglia di Ornella e al piccolo figlioletto

 

Articolo di: D’Ausilio Rita Azzurro donna Campania