Morte Sonia Battaglia, si indaga per omicidio colposo

Morte Sonia Battaglia, si indaga per omicidio colposo

L’avvocato: “Quando lei era in vita abbiamo già sporto denuncia per lesioni colpose sia nei confronti del ministro della Salute, per correlazione con il vaccino, che contro il 118 per la mancata tempestività”


SAN SEBASTIANO AL VESUVIO – Si indaga per omicidio colposo per la morte di Sonia Battaglia, la donna di 54 anni di San Sebastiano al Vesuvio deceduta in seguito alla somministrazione del vaccino AstraZeneca. A rivelare i dettagli alla nostra Redazione, l’avvocato della famiglia Nicola Barbatelli,

“Quando lei era in vita abbiamo già sporto denuncia per lesioni colpose sia nei confronti del ministro della Salute, per correlazione con il vaccino, che contro il 118 per la mancata tempestività”.

Al momento non è chiaro se ci sia correlazione, lo potrà dire soltanto l’esame autoptico che deve ancora essere effettuato. Solo dopo i risultati dell’autopsia si potrà procedere.

“Da lesioni ora siamo arrivati a omicidio colposo, la procura di Nola sta avviando le indagini e ha predisposto le attività, che ci dovranno essere comunicate”.

Intanto  siamo stati convocati dai carabinieri di San Sebastiano al Vesuvio, che hanno sequestrato già le cartelle cliniche della signora.