Nuovo impianto rifiuti a Giugliano, De Leonardis: “Ci siamo opposti per primi. Continueremo a farlo”

Nuovo impianto rifiuti a Giugliano, De Leonardis: “Ci siamo opposti per primi. Continueremo a farlo”

Il sindaco di Qualiano: “Abbiamo già presentato un ricorso al TAR sulla questione. Anche Giugliano si dice contraria, faremo fronte comune”


QUALIANO – La notizia di un impianto di tritovagliatura nella ex centrale Turbogas di Giugliano che servirà a stoccare le ecoballe di Taverna del Re, sta tenendo banco non solo nella terza città della Campania. Anche a Qualiano, la questione è fortemente sentita vista la vicinanza del territorio. Proprio il sindaco di Qualiano, stamattina si è recato sul posto individuato dalla Regione Campana per verificare lo stato dei luoghi, accompagnato da alcuni tecnici.

“Siamo stati i primi ad opporci all’impianto, con un ricorso al TAR presentato nel 2018. Lo faremo ancora e faremo fronte comune con Giugliano che si dice contraria al nuovo impianto”, dichiara De Leonardis.

Contro l’intenzione della Regione Campania di costruire un impianto di trattamento delle ecoballe nella zona ex centrale turbogas, il Comune di Qualiano, guidato dal sindaco Raffaele De Leonardis, era ricorso al Tar per opporsi alla volontá della Regione di far sorgere l’impianto in zona Ponte Riccio. Il comune di Giugliano – all’epoca guidato dal sindaco Antonio Poziello – si era costituito in giudizio contro il Comune di Qualiano, salvo poi ripensarci e ritirarsi dalla diatriba, come confermato dal primo cittadino di Qualiano.

“La Regione Campania chiarisca una volta e per tutte quale vocazione vuole dare a questo territorio – dichiara De Leonardis – Non si può pensare sempre all’agro giuglianese quando si vuole costruire un nuovo impianto dei rifiuti. Se questa zona è stata destinata a questo ce lo dicano, in modo chiaro”.

CLICCA QUI PER IL SERVIZIO E L’INTERVISTA AL SINDACO DI QUALIANO