Sanremo 2021, dalla conquista dei social alla vittoria dei Maneskin: un festival rivoluzionario

Sanremo 2021, dalla conquista dei social alla vittoria dei Maneskin: un festival rivoluzionario

Questa 71ªesima edizione sarà ricordata nella storia della kermesse anche per l’assenza di pubblico dovuta alla pandemia


SANREMO – Si è conclusa la 71ªesima edizione del Festival di Sanremo. Un’edizione che sicuramente resterà nella storia della kermesse musicale. Per la prima volta, infatti, dopo anni, il teatro Ariston non ha accolto il pubblico a causa della pandemia. Per la prima volta a trionfare è stato il rock, con la vittoria del brano “Zitti e buoni” della band glam rock dei Maneskin.

Importante rivoluzione anche quella che è avvenuta sui social. Infatti, per la prima volta, il Festival ha visto un incremento dei giovani incollati alla tv per seguire la kermesse. Questo ha fatto si che la generazione dei social usasse proprio questi  strumenti di comunicazione per discutere, commentare e guardare contenuti inediti legati alla manifestazione canora.

Si è trattato quindi dell’edizione più social della storia del Festival con la diffusione di meme, gif e tutti quei contenuto che appartengono al mondo del web.

Sicuramente quest’importante conquista per il Festival e la Rai, che ha registrato un innalzamento negli ascolti riguardante proprio la fascia generazionale dei più giovani, è stata frutto della genialità di Amadeus che ha saputo portare sul palco dell’Ariston 26 canzoni in gara che abbracciassero tutti i gusti musicali e generazionali.

Tantissimi, infatti, volti non molto conosciuti al grande pubblico ma fortemente apprezzati dai giovani. Basti pensare alla 19enne Madame, rapper definita dai giornalisti e critici musicali come “la voce di cui l’Italia aveva bisogno”, e gli stessi Maneskin che con la loro grinta e la loro personalità esuberante hanno scalato la classifica superando voci importanti e artisti affermati come Arisa, Annalisa, Noemi e Francesco Renga.

Quest’anno possiamo dire a gran voce che è stato un Sanremo rivoluzionario in tutte le sue forme e in tutti i suoi aspetti, e non dobbiamo dimenticare che la kermesse quest’anno più che mai ha illuminato la musica, l’ha resa protagonista in un momento storico in cui gli eventi live e il mondo dello spettacolo si era fermato.