Sicurezza sul lavoro, operai rischiavano di folgorarsi: scatta il sequestro per un cantiere

Sicurezza sul lavoro, operai rischiavano di folgorarsi: scatta il sequestro per un cantiere

Previste anche sanzioni amministrative per circa 8mila euro e penali per 9mila e 600 euro


NAPOLI – I Carabinieri della stazione di Torre del Greco insieme a quelli del nucleo operativo dell’ispettorato del lavoro di Napoli hanno ispezionato diverse attività nell’ambito dei servizi disposti dal comando provinciale di Napoli. Durante le operazioni – finalizzate al contrasto delle condotte illecite in materia di lavoro sommerso e sicurezza dei luoghi di lavoro – i carabinieri hanno controllato un cantiere in via nazionale.

I 2 operai presenti – che erano entrambi assunti “in nero” – stavano effettuando dei lavori di ristrutturazione di una facciata in prossimità di una linea elettrica senza alcuna precauzione e rischiando così di folgorarsi.

L’attività è stata sospesa e i militari dell’arma hanno denunciato a piede libero l’amministratore unico della società edile.  Per l’uomo anche sanzioni amministrative per circa 8mila euro e penali per 9mila e 600 euro. Contestate anche due violazioni in materia covid 19: l’amministratore unico ha infatti omesso di fornire le informazioni anti-contagio ai lavoratori e non ha permesso l’uso di dispositivi disinfettanti.