Agenti di Polizia travolti da un’auto a Napoli: Giovanni morto durante un inseguimento

Agenti di Polizia travolti da un’auto a Napoli: Giovanni morto durante un inseguimento

L’agente ha perso la vita per le gravi ferite riportate a dieci giorni dall’incidente che lo ha coinvolto in moto durante il servizio


GIUGLIANO \ NAPOLI – Lutto a Giugliano per la morte di Giovanni Vivenzio. Il poliziotto della sezione “falchi” del commissariato di Napoli San Ferdinando ha perso la vita per le gravi ferite riportate a dieci giorni dall’incidente che lo ha coinvolto in moto durante il servizio, intento insieme ad un collega ad inseguire un individuo sospetto.

Giovanni era bordo della moto con il suo collega Stefano Cascone, i due hanno perso il controllo del mezzo a seguito di una manovra improvvisa  di un’ automobilista. L’agente aveva battuto violentemente la testa, riportando un grave trauma cranico, era stato ricoverato al Cardarelli in codice rosso.

MESSAGGIO DEL SEGRETARIO DELL’USIP (CONFEDERATO UIL ) DI NAPOLI

“Siamo vicini ed esprimiamo il nostro profondo cordoglio alla famiglia di Giovanni, poliziotto della sezione “falchi” del commissariato di Napoli San Ferdinando che ha perso la vita per le gravi ferite riportate a dieci giorni dall’incidente che lo ha coinvolto in moto durante il servizio, intento insieme ad un collega ad inseguire un individuo sospetto.
A 40 anni dalla fondazione della Polizia di Stato e dalla legge 121 che rifondava il sistema della sicurezza del nostro Paese, ancora una morte bianca.

Chi indossa una divisa oggi, con la passione e l’abnegazione che ci ha messo Giovanni ed a difesa degli interessi e della sicurezza della collettività, lo fa purtroppo a rischio anche della propria vita, ma dando lustro allo Stato ed alle Istituzioni”,

È quanto dichiara in una nota Roberto Massimo, Segretario generale dell’Usip (confederato Uil) di Napoli.